Tiziana Maffei è la nuova direttrice della Reggia Di Caserta, succede a Mauro Felicori

Quante cose sono cambiate anzi evolute nell’ultimo decennio, in particolare quanto è cambiato il ruolo della donna. Dopo anni e anni di battaglie finalmente la donna viene riconosciuta per le sue abilità e non più considerata il sesso debole. nella società del passato, la donna era solo una entità di sesso femminili, adibita a tutti i lavori casalinghi, senza diritto alcuno, neanche quello al voto. La sua vita si svolgeva fra le pareti domestiche, sottomessa da ragazza alla volontà paterna e da sposata a quella del marito. Le si chiedeva di essere moglie e madre discreta, di poche parole e sempre pronta a servire tutta la famiglia. Le si affidava l’educazione dei figli, che consisteva nell’obbedienza assoluta ai desideri paterni. Per fortuna, i tempi cambiano e la donna ha oggi un ruolo ben differente, senza togliere nulla alla sua femminilità, ha ruoli importanti nella società: è lavoratrice fuori casa, in ufficio, in fabbrica, a scuola; partecipa attivamente alla vita politica, raggiungendo posizioni e ruoli di prestigio. Ulteriore conferma di tutto questo è arrivata con la decisione presa oggi. Di fatti,  la guida della Reggia di Caserta è stata affidata all’architetto Tiziana Maffei.  La Maffei è docente universitaria a Bologna e presidente di Icom (International Council of Museums) Italia dal 2016: succede a Mauro Felicori nella carica di direttore della reggia vanvitelliana. La sua scelta è stata indicata dal ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli. 

 

 

 

Previous La Settantaduesima edizione del festival di Cannes inaugurata da risate horror
Next ROMA , DE ROSSI ANNUNCIA L'ADDIO

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

UNA BREVE FINESTRA NEL CIELO TRANQUILLO. CESARE PAVESE A POGGIOREALE

Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi (Cesare Pavese) Napoli, 2 agosto 1935, ingresso carcere di Poggioreale. Un uomo magro, in manette, l’aria stanca, viene accompagnato alla matricola.

Cultura

FRANCESCHINI:” POMPEI ERA SINONIMO DI NEGATIVITA’, DI CROLLI, DI DIFFICOLTA’ E SCIOPERI. ORA E’ UNA STORIA DI RISCATTO.”

“Pompei era sinonimo di negatività, di crolli, di difficoltà e scioperi selvaggi. Ora è una storia di riscatto e un modello di riferimento per l’utilizzo delle risorse pubbliche nel mondo“,

Cultura

Il Metrò delle Meraviglie: nuovi reperti storici a Piazza Municipio

Il sottosuolo napoletano continua a regalare tesori nascosti dal valore storico inestimabile. Da quando sono partiti i lavori per la metropolitana della Linea 1 della città, infatti, sono diversi i

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi