Torre Annunziata: cronaca di una tragedia sfiorata, ma annunciata

C’era bimbi che giocavano e si rincorrevano, subito dopo che i vigili del fuoco erano andati via nella tarda mattinata. Erano già stati allertati, infatti, per dei piccoli crolli. All’improvviso, mentre tutto sembrava tranquillo, viene giù parte di un solaio della casa. Tutti iniziano a scappare. Passa meno di un quarto d’ora e viene giù tutto.

Via Aurora, Quadrilatero Carceri, Torre Annunziata.

Lo scenario è quello di un pezzo di terra abbandonato dal dopoguerra. Palazzi fatiscenti, intonaco inesistente e crolli dai balconi: il tutto recintato come fosse una zona off limits. È tra le stradine del quartiere a sud di Torre Annunziata che oggi si è sfiorata una tragedia più volte annunciata. Sono tutte case private, sopravvissute allo scoppio dei carri nel 1946 e al terremoto dell’80. Ma il tempo, si sa, è meno clemente.

Si riversano in strada centinaia di persone, tutti i soccorsi allertati. Subito sul posto le forze dell’ordine che transennano quei vicoletti per permettere le operazioni di soccorso. I vigili del fuoco lavorano con tutti i mezzi a disposizioni: utilizzano una sonda per verificare eventuali persone intrappolate sotto le macerie. Poco dopo arrivano anche i cani per fiutare la presenza di civili inermi. Attimi di terrore che si trasformano in rabbia e frustrazione per l’assenza atavica delle istituzioni da quella zona.

Il sindaco Giosuè Starita è accorso subito sul posto e vi resta fino alle 17, quando ha convocato una riunione di giunta straordinaria per decidere le prime misure da adottare: «Alloggi temporanei per gli sfollati, messa in sicurezza degli altri edifici» ma soprattutto «un’incisiva sollecitazione verso la Regione Campania affinché proceda a conferire le risorse previste nelle delibere di giunta regionale, approvate nel 2009 e successivamente revocate dalla Giunta Caldoro».

Il nucleo delle richieste è proprio questo: fondi stanziati e revocati, dalla Regione e dal Ministro Passera.

Torre Annunziata, Napoli, l’Italia crolla. Lo Stato aspetta.

Previous Atletico Bilbao - Napoli 3 a 1: una tragedia! Annunciata?
Next Bronzi di Riace, dopo 2500 anni ancora senza fissa dimora

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

COTTARELLI CHIEDE PIU’ TEMPO PER ALCUNI NODI SULLA LISTA MA NESSUNO PARLA DI RINUNCIA ALL’INCARICO

“Carlo Cottarelli ha semplicemente bisogno di più tempo per approfondire alcuni nodi legati alla lista e nessuno ha parlato di rinuncia all’incarico“. E’ quanto fanno sapere dal Quirinale, il pressing

Qui ed ora

NAPOLI , QUESTIONE MIGRANTI :DONNA NIGERIA PARTORISCE E NASCONDE IL FETO

Una donna nigeriana di 25 anni partorisce un feto, di circa 25 settimane, e lo nasconde in un telo coperto da un secchio. E’ accaduto nel centro di accoglienza per migranti

Qui ed ora

In stazione Napoli attesa treni da Nord

Tutto pronto alla Stazione centrale di piazza Garibaldi a Napoli per i controlli su passeggeri in arrivo e in partenza. Particolare attenzione sul primo Frecciarossa, il 9515, partito da Milano

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi