Tragedia alla 24 Ore di Catalogna: muore il pilota Aurelio Martinez

Tragedia nel mondo dei motori. Alla 24 Ore di Catalogna, a Montmelò, ha perso la vita Aurelio Martinez, pilota della categoria STK600 e della scuderia Motocrom, schiantandosi con la sua Yamaha YZF R-6 numero 51 alla curva 10 della pista durante la sessione di qualifiche.

Secondo quanto emerge è stato un problema ai freni della Yamaha di Baptiste Santilli, di maggior cilindrata, a causare l’incidente: il francese della classe STK1000, accorgendosi del guasto, si è lanciato giù dalla moto, che però ha impattato contro il corpo di Martinez, che in quel momento stava affrontando la curva verso sinistra.

La moto e il pilota, a quel punto, sono stati sbalzati, e prima di ricadere a terra hanno volteggiato in aria diverse volte: quando Martinez ha impattato contro l’asfalto non si è più mosso. Inutili i soccorsi immediati con lo staff sanitario che ha provato per circa un quarto d’ora a rianimarlo prima di trasportarlo all’ospedale di Granollers. Santilli è rimasto a bordo pista in stato di shock, prima di scoppiare in lacrime aspettando buone notizie che non sono mai arrivate.

Purtroppo non è la prima tragedia alla 24 Ore di Catalogna: due anni fa morì a 33 anni Enric Saurì, mentre al Mondiale junior di Moto3, su questa stessa pista, perse la vita Andreas Perez.

Previous Inter, Wanda Nara: "Sono la manager più ambita, grazie a me Icardi è tra i più pagati"
Next L'ONU cerca una soluzione alla disastrosa situazione in Libia

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI: IL VASTO VIENE TAPPEZZATO DA MANIFESTI ANTI DEGRADO RIVOLTI AGLI IMMIGRATI

Risulta stampato in tre lingue, ovvero italiano, inglese e francese che vieta  di buttare  rifiuti per terra e di urinare al bordo della strada – ha invaso muri e saracinesche

ultimissime

Il MInistro del “più selfie per tutti.M5stelle:”Salvini chiarisca la sua posizione dopo il selfie con un noto boss salernitano:”

Michele Matrone, figlio di uno dei boss più conosciuti in Campania ha rimosso dai social lo scatto “rubato” dopo il clamore generato dalla pubblicazione. L’ex ministro: “Faccio migliaia di selfie”

ultimissime

Terrorismo,Antonio Gaezza trent’anni fa veniva ucciso

Antonio Gaezza,  vendeva collanine di vetro  su una bancarella in via Calata San Marco, stradina adiacente a piazza Municipio. Aveva 62 anni, una mamma centenaria da accudire, ed era sopravvissuto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi