Trasporti: c’era una volta il sogno di Cascetta. Oggi c’è l’incubo dei campani

C’era una volta la metropolitana regionale, sogno di Cascetta e di Bassolino. A quattro anni dlla giunta di centro sinistra, il Governatore Caldoro fa i conti con un disastro che prevede debiti per centinaia di milioni ed il trasporto pubblico abbandonato a sé stesso.

Ad inizio secolo, un professore dell’università Federico II immaginò di dotare la regione più densamente popolata d’Italia di un trasporto pubblico efficiente e moderno senza gravare eccessivamente sui contribuenti in maniera diretta ma attingendo ai fondi europei. Iniziò il sogno di Ennio Cascetta che, in 10 anni, contribuì ad ampliare la “Metropolitana regionale” della Campania di 54 km e 39 stazioni tra nuove e riqualificate.

La fine della presidenza Bassolino si chiuse con all’attivo questo successo ed al passivo i crediti alle imprese, che avevano messo su cantiere, per 240 milioni, da onorare con fondi europei. Gli stessi fondi che, sulla programmazione 2007-2013, servivano per ultimare le opere di ammodernamento del trasporto e chiudere numerosi cantieri aperti. Tutto bloccato nel 2010 per l’autotutela dalla nuova giunta che si avvicendò.

Purtroppo, dopo 4 anni, il quadro che resta sotto gli occhi di tutti è pietoso. Descrivendolo con le parole dell’avvocato Raffaello Bianco, ex amministratore Sepsa, abbiamo «cantieri abbandonati, imprese fallite, disoccupazione nelle attività dirette e nell’indotto ai vertici storici e una mole di contenziosi, per la cui definizione saranno erose le risorse necessarie per il completamento delle opere.»

E non è tutto. Se chiediamo un parere sui vertici delle aziende del trasporto pubblico è ancora più diretto. «Caldoro mi piace, ha una bella immagine e sono orgoglioso di essere campano per il gradimento quasi unanime che ha in Italia ma ha completamente sbagliato nella scelta degli uomini. Peggiori di questi è impossibile trovarli, hanno portato i trasporti ad un degrado assoluto.»

Come dargli torto. L’esempio più eclatante è la Circumvesuviana che, classifiche a parte, permetteva di spostarsi in un territorio più ampio della provincia di Napoli con corse precise e senza soffrire particolari disagi. Oggi le stazioni sono qualcosa di disarmante. Biglietterie aperte solo poche ore al giorno se si è fortunati, controlli inesistenti, stazioni abbandonate a vandali e soprattutto la totale insicurezza di riuscire a viaggiare a causa di tagli giornalieri alle corse.

In quest’opera a tinte molto scure lo stesso Bianco prova a dare un consiglio al Presidente: «penso che debba assumere una decisione drastica, commissariare il settore degli investimenti ponendolo nelle mani di un manager di spessore che risponda direttamente ed esclusivamente a Lei, con il mandato di definire i contenziosi entro un mese, cosa possibile con le imprese dispostissime a trattare al ribasso, per poi riavviare buona parte dei cantieri nei due mesi successivi.»

Prossima fermata le elezioni del 2015

Previous Papa Francesco riformatore della Chiesa
Next A Benevento un Jobs Act in chiave locale

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

NAPOLI, ASSEGNATI NUOVE ABITAZIONI AI FAMIGLIARI DEI CAMORRISTI

La Famiglia di Davide Francescone, l’uomo accusato di essere uno degli assassini di Antonio Landieri, vittima innocente della prima faida di Scampia, ha ricevuto dal comune di Napoli un’appartamento destinato agli

Qui ed ora

MARTEDI PROSSIMO FLASH MOB “GIU’ LE MANI DALL’INFORMAZIONE”:ORE 12 IN PIAZZA PLEBISCITO A NAPOLI

Basta attacchi ai giornalisti. Gli insulti e le minacce di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista non sono soltanto l’assalto ad una categoria di professionisti, ma rappresentano anche e

Qui ed ora

Emergenza rifiuti nel Napoletano, cumuli incendiati. Duello Salvini-Di Maio sugli inceneritori. A Torre del Greco montagne di spazzatura non raccolte. M5S: “Gli inceneritori non sono nel contratto”. Lega: “I rifiuti devono produrre ricchezza non roghi”

Cumuli di rifiuti non raccolti, cittadini esasperati e roghi notturni. È lo scenario di piena emergenza che si vive in questi giorni a Torre del Greco (Napoli) dove stanotte ignoti

1 Commento

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi