Tsunami in Indonesia, quindici anni fa l’onda anomala che sconvolse il mondo: 230mila morti

Esattamente quindici anni fa un maremoto di magnitudo 9.1 si scatenò al largo di Sumatra dando poi origine a uno tsunami con onde alte come palazzi. Fu il terzo terremoto più violento degli ultimi sessant’anni dopo il sisma in Cile nel ’60 (magnitudo 9.5) e quello in Alaska del ’64 (9.2).  Alla fine morirono 230mila persone, un quarto dei quali bambini. I feriti furono mezzo milione e cinque milioni gli sfollati. L’acqua dell’oceano penetrò nell’entroterra e non fece differenza tra case e abitanti: travolse tutto.

La scena davanti agli occhi di sopravvissuti e soccorritori fu agghiacciante. Banchi corallini sulla costa si alzarono oltre il pelo dell’acqua anche di mezzo metro.

Le onde anomale raggiunsero le coste di 14 Paesi in tre continenti, Africa compresa.  I Paesi del Sudest asiatico vennero colpiti tutti: Indonesia, Sri Lanka, India e Thailandia, versarono un tributo di sangue alla furia della natura. Dopo il disastro delle prime ore, i governi locali dovettero affrontare una drammatica emergenza umanitaria e dare soccorso a un numero enorme di sfollati: almeno 1,5 milioni in Sri Lanka, più di 100mila in India, quasi 30mila in Thailandia e altre centinaia di migliaia di persone in Indonesia.

Nella tragedia morirono anche 40 italiani, tra Thailandia e Sri Lanka. Come tanti turisti erano in vacanza a Phuket o Phi Phi Island. Oppure erano alle Maldive o sulle coste dello Sri Lanka. Non ci fu scampo per loro e altre migliaia di persone, morte magari prendendo il sole in spiaggia. La comunità internazionale si mosse subito, ma ci vollero giorni per coordinare le operazioni di aiuto. Ora, passati quindici anni, gli abitanti dei villaggi colpiti dallo tsunami si sono ripresi e anche le attività economiche, basate sulla pesca, hanno ricominciato a respirare.

Se ci fossero stati dei sistemi per segnalare in tempo l’emergenza tsunami, molte vite si sarebbero salvate. L’esperienza ha però portato alla costituzione dell’Indian ocean tsunami warning system, uno strumento fondamentale per analizzare le possibili conseguenze dei terremoti e segnalare ai governi dei Paesi interessati stime e tempi di arrivo di possibili onde anomale.

L’impatto di quel fenomeno devastante fu così forte che da allora è cambiato il sistema di monitoraggio e allerta dei maremoti, anche in Italia.

 

Previous Latitante preso prima del pranzo Natale
Next Faggiano su Kulusevski: "Fino a giugno le carte le abbiamo in mano noi"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Saverio D’Andrea al MoVà di Aversa

Venerdì 28 luglio 2017, accompagnato alla chitarra elettrica da Lorenzo De Gennaro e al violoncello da Maria Pia Russo, Saverio D’Andrea al MoVà di Aversa (via del Seggio 67) traghetterà i suoi ospiti in un viaggio di musica e

Approfondimenti

DE MAGISTRIS A CANALE 21: “SE ZINGARETTI SCARICA DE LUCA, PRONTO AL DIALOGO PER LE REGIONALI”

A Canale 21 nel corso di “Rebus”, intervistato dal direttore editoriale del Vg21 Gianni Ambrosino, è intervenuto Luigi De Magistris: “Alleanze per le Regionali? Si aprono scenari interessanti, già a

Approfondimenti

I DATI DI MILIONI DI ITALIANI SONO A RISCHIO PER DELLE FALLE NELLA SICUREZZA DEL WIFI

I   dati di milioni di persone a rischio a causa di falle di sicurezza che interessano le connessioni Wi-Fi. Nel Wpa2, cioè l’algoritmo di crittografia del Wi-Fi, sono state trovate

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi