Udine , strangolata in auto dal fidanzato: Nadia, l’ennesima vittima di femminicidio!

Molte sono le vittime di femminicidio, che ogni giorno sono costrette a subire gravi forme di violenza e quando la situazione sfugge al controllo addirittura perdere la vita. Vittime di aborto selettivo, infanticidio delle bambine, scarse cure mediche per le donne in alcuni paesi, violenza domestica: una vera e propria discriminazione sessista.

Nei giorni scorsi c’è stato l’ennesimo caso Italiano di Femminicidio, a Udine , un uomo di 34 anni ha ucciso la fidanzata  , NadiaOrlando, 21 anni, senza riuscire a spiegarne i motivi. L’uomo, Francesco Mazzega , ha vagato tutta la notte con il cadavere della donna al suo fianco, per poi arrivare in mattinata davanti alla caserma della polizia stradale di Palmanova per costituirsi . Le prime parole dell’assassino sono state : “Temo di aver commesso un omicidio!” Un fidanzato possessivo e geloso che destava già molte preoccupazioni ai genitori di Nadia che , nei giorni precedenti alla sua morte , lamentavano con paesani e vicini il comportamento ossessivo del fidanzato.

I genitori di Nadia avevano denunciato il non rientro in casa della figlia già durante la notte , senza sapere che Nadia era già morta, strangolata dalle mani della persona che diceva di amarla. Il corpo senza vita di Nadia ha attraversato chilometri e chilometri al fianco del suo assassino che durante la confessione ha ammesso il movente : “Voleva lasciarmi e temevo arrivasse a farlo”. Purtroppo Nadia non ha fatto in tempo a prendere questa decisione  ed è stata uccisa senza poter far nulla, uccisa da chi le impediva di vivere, vivere una vita normale, di vedere persone  al di fuori di lui , un amore malato  .

L’unica differenza  in questo omicidio , a differenza di altri casi di femminicidio, è il non nascondere o straziare il corpo della vittima , ma tenerlo con sé , come una sorta di ultimo viaggio insieme prima dell’addio . Ora il dolore dei familiari è molto grande,i genitori di Nadia sono stravolti e nessuno gli restituirà più la loro figlia, uccisa per possesso e gelosia .

L’ennesima vittima di uomini patriarcali che vedono la donna come “proprietà privata” e si sentono in diritto di esercitare potere di su di esse.

Previous MIGRANTI: LA NAVE IUVENTA E' STATA SEQUESTRATA DALLA GUARDIA COSTIERA E CONDOTTA NEL PORTO DI TRAPANI, DI MAIO: " SULLE ONG AVEVAMO RAGIONE"
Next NAPOLI , LE DICHIARAZIONI DI CALLEJON :"SIAMO NOI L'ANTI-JUVE! QUESTA CITTA' MI HA CAMBIATO LA VITA "

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

D’AMBROSIO(PD): “RILANCIARE L’IMMENSO PATRIMONIO DELLA CITTA’ DI NAPOLI, CON DE MAGISTRIS POLITICA DI ISOLAMENTO”

Ai microfoni di Linkabile, si racconta in esclusiva, il candidato PD al Consiglio Comunale di Napoli, Lello D’Ambrosio che riassume brevemente le ragioni della sua candidatura. Quale motivazione l’ha spinta

Approfondimenti

È POSSIBILE CONCILIARE MATERNITÀ E POLITICA? Sì! Il caso della III municipalità di Napoli

In Italia è possibile conciliare maternità e politica? I primi anni ma soprattutto i primi mesi di vita del nascituro richiedono da parte della madre una particolare attenzione che un

Approfondimenti

UN 38ENNE INGLESE RIESCE A “RICREARE” UN PROTOTIPO DELLA TUTA DI IRON MAN

I supereroi purtroppo si sa, non esistono, però ci si può provare ad “imitarli” ad esempio cercando di creare un “congegno” con l’abilità di far volare le persone oppure un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi