UMBERTO DE GREGORIO:” L’ELITE E IL CORNO SUL LUNGOMARE DI NAPOLI,QUALCOSA NON QUADRA. MA ESISTE L’ELITE A NAPOLI?”

L’élite non può tollerare il corno? Mi dispiace ma non sono d’accordo. L’élite, intesa come classe intellettuale, quella classe che dovrebbe avere in mano le redini della città, che dovrebbe dare indicazioni, sporcarsi le mani, essere d’esempio, questa élite è latitante da tanto, troppo tempo per scandalizzarsi del corno sul lungomare.
Siamo seri. L’élite a Napoli ha abdicato al suo ruolo, questa è la verità. E non lo riconquisterà certo in questo modo. Partiamo dalla classe politica. Esiste questa élite nella rappresentanza in consiglio comunale, della città metropolitana, della Regione? Risulta, a parte rare eccezioni, sostanzialmente assente. Napoli, la capitale intellettuale del Mezzogiorno, esprimeva una volta non solo Presidenti della Repubblica e parlamentari, ma anche illustri consiglieri in ambito locale. Oggi la provincia di Napoli e Salerno si contendono lo scettro della vita politica regionale, la città di Napoli è assente o meglio è rappresentata dal Sindaco con la bandana.
Ed eccoci al punto. Ora l’élite vorrebbe protestare contro il corno e dare cosi battaglia al Sindaco. A mio avviso sbaglia. Deve prima “esistere” per aver diritto a protestare, e per esistere deve essere in grado di esprimere una classe politica in grado di dare voce amministrativa e direzionale alla protesta.
Quanto all’oggetto della protesta, è sbagliato anch’esso. Il corno è una provocazione estetica, commerciale e paesaggistica. Una provocazione, peraltro transitoria, serve appunto a far discutere. In tal modo la protesta dell’élite si trasforma, involontariamente, in un appoggio all’operazione, che altro non vuole, che suscitare perplessità, dibattito, discussione, stupore.
Prima del corno vi sono mille altre cose più scandalose su cui accendere i riflettori della protesta e della proposta, che non può essere quella dello stato dei luoghi “prima”, della conservazione.
Lo stato del lungomare è desolante, e non per il corno, che addirittura può essere qualcosa utile a nascondere la desolazione tutto intorno. La protesta deve essere contro i mostri porchettari, contro le sedie coca cola disseminate su tutta via caracciolo, contro la volgarità imperante che ha trasformato un luogo magico in un luogo squallido. Per non parlare di Via Partenope, liberata dalle auto ma senza un alcun progetto di riqualificazione ( atteso invano da cinque anni) e lasciata all’iniziativa di commercianti e bancarelle.
L’élite deve selezionare e indirizzare la protesta, esprimere classe politica, trasformarsi in proposta. Scandalizzarsi in salotto o dalla villa al mare per il corno è una perfetta risposta (attesa) da chi quel corno vuole per nascondere ben altri problemi.

Previous L'ASTROLOGIA E' UNA SCIENZA? PERCHE' GLI OROSCOPI HANNO TANTO SUCCESSO?
Next Regeni: Nyt, da Usa prove a Renzi su ruolo egiziani. Torna l'ambasciatore italiano in Egitto,per rafforzare il ruolo dell'Italia sulla Libia.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Facebook studia una propria criptovaluta

Facebook sta pianificando un sistema di pagamento basato su criptovaluta che potrebbe essere utilizzato da miliardi di utenti in tutto il mondo. Lo rivela il Wall Street Journal. Il sistema

Officina delle idee

Assistenti da salotto? Certo che si! I nuovi dispositivi cellulari che facilitano le azioni degli utenti

L’intelligenza delle macchine è in continuo sviluppo e viaggia ad una velocità inaspettata. È l’intelligenza artificiale di cui si parla tanto , giorno dopo giorno ci confrontiamo con nuove tecnologie

Officina delle idee

Il grande wrestling torna al Palapartenope il 24 marzo 2019: ospite speciale la superstar WWE Chris Masters

 Il grande wrestling torna al Palapartenope di Napoli il prossimo 24 marzo:“I Miti del Wrestling: Masters of the Universe” è il titolo dello show più importante dell’anno nel Sud Italia. Ospite d’onore sarà “The

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi