UNA DESTRA CHE INNEGGIA AI MURI,A PUTIN E TRUMP E’ DESTINATA A PERDERE.SERVE UNA SCOSSA!

AUSCHWITZ.. «Come diveniamo crudeli se ce ne danno il permesso. La chiamano guerra. Il suo nome vero è follia…»

Così scriveva un poeta, figlio di un gerarca Nazista, nel pieno svolgimento della seconda guerra mondiale e (quindi) dello sterminio degli ebrei…

La guerra e le sue strategie, molto spesso incomprensibili e, comunque, sempre drammatiche negli effetti, possono far commettere errori, anche grandi, anche assurdi, anche dirompenti. Il passato non si può cancellare. Si può costruire il futuro, però, e passando necessariamente per il presente… L’ho scritto ieri. Mi sento di “dirlo” anche oggi: non fa nulla se sarò ridondante… Non basta (e non basterà) più “soltanto ricordare”. Certe immagini dovrebbero far riflettere. Dovrebbero rimettere in moto il senso autentico e dirompente della storia e della stessa attualità, e invece…

La nostra società è in crisi profonda. Del tutto ripiegata su se stessa. Finché si continuerà soltanto a gridare, senza cuore, senza passione e senza idee, “i campi” e la devastante e prevaricante linea divisoria tra presunti “belli e buoni”, da una parte, ed (altrettanto) presunti “brutti e cattivi”, dall’altro (di fatto) continueranno ad esistere, e noi “continueremo a viverci dentro”, senza nemmeno accorgercene, col rischio di risvegliarci un giorno del tutto incapaci, finanche di inorridire…

È da almeno 4 anni che, da cittadini appassionati, assistiamo ad uno spettacolo incomprensibile. Una destra sempre più disarmante, capace di inneggiare finanche a Putin ed al “Vecchio Presidente Biondo” recentemente eletto.

Sovranisti. Nazionalisti. “Confusi” alla ricerca del potere… Gente capace di guardare soltanto indietro. Possiamo scegliere di seguirli, ma possiamo (anzi, dobbiamo) anche fare altro…

Il mondo non ha bisogno di nuovi “muri”. I “muri” vanno scalati. Abbattuti. Distrutti!

Non saremo mai tutti uguali. È “legge di natura”. Ma nella dignità, nel rispetto per gli altri, nella spinta culturale e sociale verso la libertà e verso l’autodeterminazione libera e consapevole, sia dei popoli che degli individui, nessuno più dovrà patire dolore. Non si possono ricordare i morti ed infierire sui vivi. È cosa assurda, grottesca e priva di dignità, proprio come la reiterata e spasmodica voglia di sopravvivenza politica di tante persone che farebbero (invece) molto meglio a dedicarsi ad altro…

Onore a chi ha provato a scrivere una pagina nuova. Noi “altri”, quelli che sono venuti dopo, abbiamo capito, abbiamo apprezzato ed abbiamo fatto nostra quell’idea di “bellezza” che rimarrà nota caratteristica della nostra generazione (ed anche quando non sarà espressa fino in fondo, da tutti). Un “ponte” che proveremo a difendere tutti i giorni, anche in quelle “semplici, piccole cose” alle quali, da “comuni mortali”, siamo “destinati”…

Previous Napoli, un 14enne si converte all'Islam
Next SERIE A , NAPOLI-PALERMO : 1-1 .NON BASTA MERTENS

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

SECONDO LA BCE, LA RIFORMA FISCALE NEGLI STATI UNITI “RISCHIA DI INTENSIFICARE LA COMPETIZIONE A LIVELLO GLOBALE, COMPORTANDO UNA EROSIONE DELLE BASI IMPONIBILI NEI PAESI DELL’UE”

La riforma fiscale  negli Stati Uniti “rischia di intensificare la competizione fiscale a livello globale, comportando una possibile erosione delle basi imponibili nei Paesi dell’Ue“. Lo dichiara la Bce in

Approfondimenti

MITI DI NAPOLI: STORIA DELLA CHIESA DI MONTEOLIVETO

La Chiesa di Monteoliveto costituisce uno dei maggiori esempi di arte rinascimentale della città di Napoli. La costruzione iniziò per volontà di Gurello Origlia, protonotario di Re Ladislao. A quell’epoca il complesso monastico,  venne

Approfondimenti

SECONDO UNA RICERCA IL 92% DELLE MAMME ITALIANE SONO SEMPRE PIU’ DIGITALI

Secondo uno studio fatto dall’agenzia FattoreMamma e di 2R Research in Italia il 92% delle mamme utilizzano uno smartphone. durante l’incontro dell’evento  ‘Mamme in Parlamento’ la fondatrice la fondatrice Jolanda Restano spiega

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi