UNA MAGIA NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO:IL TEATRO RIANIMA,RICONCILIA,RECUPERA.

“ Un uomo può cadere molte volte,ma non è mai un insucesso  se decide  di rialzarsi. Siamo qui per evitare che una persona entri in carcere perché ha commesso un reato ed esca dopo averne subito lui uno”,con questa riflessione il presidente della Mansarda Samuele Ciambriello ha aperto presso il Carcere di Secondigliano la rappresentazione il “CICLOPE” di Euripide promossa dall’associazione La mansarda. Questo testo , ironico e  divertente,  è stato tradotto in dialetto napoletano ed  ha tutti i connotati della farsa . La vicenda è quella nota dell’accecamento del Ciclope da parte di Ulisse.          “Essa vuole rappresentare, utilizzando la metafora della cecità del Ciclope, come ciascuno di noi, nel quotidiano, può essere accecato dalla gelosia, dall’invidia ,dall’odio,dalla violenza”, così Samuele Ciambriello nel motivare la rappresentazione .

A seguire,vi è stato un breve sketch,sulla parodia della trama “dell’Otello” .

Erano presenti alla rappresentazione il direttore del carcere di Secondigliano Liberato Guerriero,la garante dei detenuti Adriana Tocco,il consigliere regionale Gianluca Daniele,la magistrata di sorveglianza Margherita Di Giglio  l’ex presidente del Tribunale di sorveglianza Carmine Antonio Esposito,gli educatori del carcere ed i responsabili della polizia penitenziaria.Erano altresì presenti i familiari dei detenuti-artisti,che terminata la rappresentazione si sono trattenuti con i propri congiunti.

Entrambe le rappresentazioni  hanno visto coinvolti undici detenuti del reparto Mediterraneo del carcere di Secondigliano, che con sei volontarie, uno scenografo e il regista Mauro Acanfora da sei  mesi si sono preparati a questo evento. Il primo giugno lo spettacolo si replicherà nel teatro centrale del carcere per i detenuti dell’alta sicurezza.

Previous Teheran. L'Iran si conferma moderato: Rohani eletto presidente per la seconda volta.
Next SERIE A , NAPOLI-FIORENTINA:UNA SFIDA PER L’EUROPA

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

4 Giornate di Napoli, un Popolo in armi

Una lotta di Popolo Nulla si diffonde tanto rapidamente e irrefrenabilmente del coraggio nato dalla paura. Napoli subì 43 mesi di guerra con centocinque bombardamenti aerei, pianse 30mila morti, contò

Officina delle idee

IL CARCERE DEI DIRITTI, VERSO GLI STATI GENERALI

Si è tenuto oggi, 9 giugno, alle ore 9.30, presso il Circolo degli Ufficiali al Palazzo Salerno (piazza del Plebiscito, Napoli) il convegno intitolato “Il carcere dei diritti, verso gli

Officina delle idee

L’ARTE CONTEMPORANEA SPIEGATA A MIA NONNA

Il libro “L’arte contemporanea spiegata a mia nonna”, scritto da Alice Zannoni ed edito da Nfc Edizioni, si preannunciava già un successo prima della pubblicazione e, dopo la presentazione in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi