Una nostalgica ballad folk in dialetto napoletano, in bilico fra i Foja e i 24 Grana, segna l’esordio dei Vio.la: “Fino all’urdeme juorno”

Una nuova realtà emerge dal sottobosco musicale cilentano: i Vio.la.

Vio.la sono, di fatto, una superband, nata dall’incontro di due personalità già avviate all’interno del panorama musicale: da un lato, la cantautrice Daniela Vicale, fresca della pubblicazione dell’album da solista “Frammenti a colori”; dall’altro, Antonio Russopolistrumentista, cantante, arrangiatore e produttore già a lavoro con la Diavoletto Netlabel.

Il primo brano che il duo propone si intitola “Fino all’urdeme juorno”, ed è una ballad romantica e sognante cantata in dialetto napoletano, vicina a quello che è il revival della musica partenopea, come reintrodotto da band quali i Foja o nei lavori da solista di Francesco Di Bella, già frontman dei 24 Grana.

«“Fino all’urdeme juorno” descrive il classico, passionale, amore eterno. Quell’amore inatteso, ma così tanto travolgente da cancellare un passato fatto di delusioni, di lacrime e sofferenza. Una di quelle storie da voler vivere ogni singolo giorno fino in fondo, dove le parole non servono e l’unica ma essenziale certezza è quella che i due innamorati, anche in un altro mondo, tra mille persone, sarebbero capaci di ritrovarsi e riconoscersi».

“Fino all’urdeme juorno” si presenta, così, come un brano dolce dove i suoni della chitarra (Antonio Russo), fisarmonica (affidata ad Antonio Apicella, anche dietro basso e synth) e parte ritmica (a cura di Nicola Balbi) creano una magica e delicata sonorità a cui si fonde il canto di Daniela, leggero ed intenso.

La registrazione è stata curata da Antonio Russo e Antonio Apicella (quest’ultimo anche dietro al mixer negli ASM REC), mentre il mastering è stato realizzato da Salvatore Addeo negli Aemme Studio Recording di Como.

Il video di “Fino all’urdeme juorno” è stato interamente realizzato dal videomaker polacco Kuba Jarnot, già a lavoro con diversi artisti, tra cui Magdalena Tul (rappresentante della Polonia, nel 2011, all’Eurovision Song Contest).

Vio.la sono, attualmente, a lavoro su un album di inediti, che si discosterà da quello che è lo stilema prettamente partenopeo, per esplorare altri orizzonti, in una continua ricerca sonora di stampo world, come attestano le parole di Antonio Russo:

«Vio.la è un progetto che, per quanto riguarda me nello specifico, è anche un modo per sperimentare nuove sonorità. A differenza di quanto scritto e prodotto prima, ad esempio, in questo caso ho voluto avvicinarmi alle sonorità mediterranee. Ho accostato, alle mie influenze provenienti principalmente dalle chitarre della musica pop-rock inglese, strumenti quali bouzouki, mandolino, oud. Attualmente, sto lavorando ad un altro brano, cercando di aggiungere il sitar, allontanandoci ancor di più dal nostro mondo occidentale».

Previous CROCE ROSSA, MONORCHIO: SERVONO INFERMIERI PER IL 118 E VOLONTARI TEMPORANEI
Next A Casalnuovo di Napoli il primo “Fondo di Solidarietà” per il Covid-19

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

GIORNATA DELLA GUIDA TURISTICA : VISITE GUIDATE A NAPOLI E IN TUTTA ITALIA

Il 21 febbraio 2017 ricorre la Giornata Internazionale della Guida Turistica, un evento che riguarda tutta l’Italia. Quest’anno l’iniziativa è stata ampliata e durerà cinque giorni, dal 17 al 21

Cultura

NAPOLI , PRESSO IL TEATRO CIVICO ARRIVA IL FORUM “DO NOT DISTURB” IDEATO DA MARIO GELARDI E CLAUDIO FINELLI

Sabato 24 (ore 21:00) e domenica 25 (ore 19:00) febbraio, il Teatro Civico 14 si trasferisce nelle lussuose stanze del Royal Hotel di Caserta con il fortunato format ideato da Mario Gelardi e Claudio Finelli. DO NOT DISTURB – Il teatro si

Cultura

Accademia Magna Graecia, in collaborazione con il Nuovo Teatro Sancarluccio presenta “…Mi chiamano Mimì”

Da giovedì 28 febbraio a domenica 3 marzo(giovedì,venerdì e sabato ore 21:00 e domenica ore 18:00), presso il Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli si terrà lo spettacolo “…Mi chiamano Mimì”,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi