Un’arca a difesa dei più piccoli

Un’arca di Noè carica di bambini che solca il mare in tempesta rappresenta l’efficacissima immagine che l’«Osservatorio sui diritti del minori» ha adottato per il proprio logo. Fondato a Milano nel 2000 per iniziativa di un gruppo tecnici tra sociologi, psicologi, neuropsichiatri infantili, poliziotti, legali esperti in diritto minorile, si prefissa di studiare i problemi della tutela dei diritti dei bambini attraverso l’indagine della realtà psicosociale e legale della sfera minorile; la sensibilizzazione dei mezzi d’informazione e delle istituzioni. Presidente dell’Osservatorio è Antonio Marziale, sociologo e saggista, 48 anni, originario di Taurianova, ospite di numerose trasmissioni televisive.

Dalla «televisione cattiva maestra», teorizzata dalla psicologa Anna Oliverio Ferraris a metà degli anni ’90, si sono verificati cambiamenti profondi. Nella società globalizzata e tendenzialmente incline alla corruzione morale, i bambini restano l’anello debole, considerati un obiettivo massificante e non individui cui proteggere la crescita evolutiva. Con quali strumenti scientifici o legali, dottor Marziale, si tenta di difendere i bambini dalle continue sollecitazioni alle quali sono sottoposti?

«Bisogna partire da un assunto. Volenti o nolenti la televisione è un’agenzia di socializzazione e funge da strumento educativo, che crea modelli. Se i modelli sono quasi esclusivamente negativi i risultati sono quelli che conosciamo: i giovani delinquono, aggrediscono, stuprano, soprattutto emulano. Il vero problema è che gli operatori della comunicazione non solo non hanno capito che la qualità dell’offerta televisiva è scadente, ma nemmeno che molti contenuti proposti da tutti gli altri mezzi di socializzazione sono pericolosi. Senza alcun tipo di filtro che tuteli la personalità di bambini, adolescenti e giovani, non esistono efficaci strumenti di contrasto».

Quindi sarebbe necessario aprire un confronto serrato, e a più livelli, con gli operatori della comunicazione.

«Inutile. Non servono confronti, né salotti né censure. Tutto deve partire dalla scuola, quella italiana è in clamoroso ritardo nel recepire l’importanza ormai fondamentale dell’educazione ai media. L’Unesco lanciò questo tema nel lontano 1970: dopo 44 anni la scuola non ha ancora provveduto ad istituire come materia scolastica l’educazione ai media. D’altronde se si tenta con un penoso eufemismo di introdurre l’educazione sessuale col nome di “educazione ai sentimenti”, ci rendiamo conto di quanto siamo indietro».

Forse è un giudizio un po’ troppo ingeneroso nei riguardi di un’istituzione dalla quale si pretenderebbe la risoluzione di tutti i malesseri sociali.

«La scuola italiana non è l’imputata principale, ci mancherebbe, dico solo che non dovrebbe sfuggire alle proprie responsabilità».

Uno dei fenomeni patologici in aumento è il disagio psichico tra adolescenti e giovani. Di cosa si tratta?

«Possiamo definirla una vera e propria depressione. Quando i ragazzi non giocano, non socializzano, non scaricano i propri ormoni con attività sportive, ma si rifugiano nella solitudine di internet, si isolano. L’isolamento, che è sinonimo anche di scollamento con la realtà circostante, più portare a questo tipo di malessere».

L’Osservatorio è sempre attento agli eventi che si susseguono. Per questo avete stigmatizzato anche la decisione del governo italiano di utilizzare il porto di Gioia Tauro come scalo per lo stoccaggio delle armi chimiche provenienti dalla Siria.

«Ho sentito il dovere di esprimere la mia opinione principalmente come calabrese. Si è sempre detto e ripetuto, non senza enfasi, che il porto di Gioia Tauro dovesse diventare un polo per lo sviluppo economico della regione; poi si scopre per volontà superiore che deve fungere da pattumiera d’Italia. Mi sento offeso, come faccio a dire ai ragazzi calabresi di non emulare i mafiosi e poi, con questi esempi, a  parlare loro di legalità?».

Previous La Campania e il Mezzogiorno nella rete europea dei trasporti
Next Rom: la scuola è la chiave

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

NAPOLI , TEATRO TRIANON VIVIANI:TOTO’ CHE TRAGEDIA IN PRIMA ASSOLUTA IL 27 E 28 APRILE

Il recital, ideato e interpretato dai Virtuosi di San Martino (Premio Ciampi 2014), lavora sulla rivisitazione di materiale di repertorio attingendo alla tradizione della canzone popolare degli anni trenta e

Economia e Welfare

Ischia: Mattarella, non vi abbandoneremo. Presidente a sfollati, “vi sarò vicino”. Il vescovo Lagnese:” Grazie per essere venuto subito.”

“Presidente non siamo un popolo di abusivi”. Il capo dello Stato è giunto da poco sull’isola di Ischia a bordo di un elicottero. Alle 16.30 è iniziata la sua visita

Economia e Welfare

Reazione economica delle istituzioni europee alla pandemia, come potrebbe essere)

Secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale l’Italia sarà  tra i Paesi più colpiti: la stima per il 2020 è una contrazione del Pil del 9,1%, mentre nel 2021 la crescita prevista

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi