Usa, il premio Oscar Attard crea videogame per curare bambini con problemi motori

La tecnologia e la ricerca scientifica continuano a compiere passi da gigante nella realizzazione di nuove terapie e metodi per alleviare il dolore delle persone che soffrono. Quando a questi elementi si aggiungono cinema e videogiochi, il connubio che si crea è davvero speciale: lo ha dimostrato nei giorni scorsi John Attard, premio Oscar per gli effetti speciali del film Il Gladiatore, che ha creato un videogioco per curare i bambini con problemi motori e difficoltà di comunicazione.

In collaborazione con i dottori e ricercatori del Los Angeles Children’s Hospital, il mago degli effetti speciali di Hollywood ha creato un gioco che consente ai dottori di indossare un caschetto speciale direttamente dall’ospedale, per proiettarsi così all’interno del gioco dal quale manipolare una “scena” (creata appositamente da Attard) in base alle esigenze del paziente specifico.

Grazie ad animazioni specifiche che lo trasformano in un personaggio dei videogiochi, i medici del Los Angeles Childern’s Hospital possono lavorare sui movimenti e sulle capacità cognitive dei bambini affetti da problemi motori, causati principalmente da chemioterapia, emorragie celebrali, patologie oncologiche e varie tipologie di interventi subiti dai pazienti. Per il bambino si tratta di una terapia non invasiva, in quanto effettuata direttamente da casa propria con l’ausilio di un visore per la realtà virtuale.

In occasione del convegno Shaping the future of Pediatrics, organizzato dall’Ospedale Bambino Gesù, Attard ha raccontato all’ANSA che questa idea gli è venuta in mente in seguito alla nascita della figlia Giuliana, evento che ha spinto l’esperto di effetti speciali hollywoodiano a sfruttare le sue competenze per creare qualcosa in grado di alleviare il dolore dei bambini che soffrono. “Quando abbiamo finalmente capito come agire, abbiamo creato gli effetti visivi giusti, i movimenti adeguati”, ha spiegato. “Oggi il videogioco disegnato da Playing Forward e il Los Angeles Children’s Hospital è disponibile gratuitamente per chiunque ne abbia bisogno”, confida Attard, che si è detto fiducioso sul possibile arrivo di questa tecnologia negli ospedali italiani.

 

Previous Prendono la laurea dopo 150 anni: la vittoria delle prime studentesse di Medicina
Next Allarme di Di Maio: "Serio rischio boss e terroristi fuori da cella"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

ISTAT : LA CRESCITA DELL’ ITALIA SI VA RAFFORZANDO

“L’elevata diffusione della fase espansiva tra i settori produttivi, le aspettative positive sia sull’evoluzione del mercato del lavoro sia sugli ordini, trovano riscontro nell’evoluzione dell’indicatore anticipatore, ‘spia’ dell’andamento futuro, che

Economia e Welfare

ISTAT , AUMENTANO GLI ITALIANI IN POVERTA’ ASSOLUTA

Aumentano gli italiani in povertà assoluta. Secondo i dati forniti dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva.Le famiglie in povertà assoluta, secondo stime preliminari, sarebbero 1,8 milioni, con un’incidenza del 6,9%, in

Economia e Welfare

A VIESTE PRENDE IL VIA IL PROGETTO “ZERO CANI IN CANILE”. TRE GIORNI DI VACANZA AL VILLAGGIO ELISENA PER CHI ADOTTA UN CUCCIOLO

Si chiama “Zero cani in canile” ed è il progetto ideato a Vieste che mira a contrastare il randagismo. Un’iniziativa che permetterà agli amici a 4 zampe abbandonati di non

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi