VACCINI: L’ESAVALENTE E’ SOPRA IL 95% DEI BAMBINI VACCINATI. L’OBIETTIVO E’ VICINO

Per l’esavalente siamo sopra il 95% dei bimbi vaccinati, quindi la soglia fatidica che permette l’immunità di gregge è stata raggiunta. E per il morbillo abbiamo avuto una crescita di circa il 6%, quindi anche in questo caso ci avviciniamo a quella soglia. I numeri dimostrano che le vaccinazioni sono aumentate e questo era l’obiettivo del decreto, non punire i genitori inadempienti. Perché i vaccini sono innanzitutto un diritto”. Così ha dichiarato Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Iss. Infatti, secondo le stime,  sono quattro i bambini fino a sei anni che non sono potuti entrare negli asili nido e nelle scuole materne comunali , in tempo recente,  perché non in regola con la documentazione sulle vaccinazioni. Dal Comune spiegano che sono una decina i bimbi che risultano non in regola ma 5-6 erano assenti da scuola già dalla fine della scorsa settimana forse per l’influenza. Alcuni genitori si sono giustificati dicendo di non aver avuto tempo.

Previous NAPOLI, LE PAROLE DI KOULIBALY:" ABBIAMO UN GRUPPO FORTE! ORA TESTA AL GENOA "
Next Direzione Pd, Martina: 'Di Maio-Salvini governino, noi minoranza'. Orlando: 'Vogliamo garanzie, dimissioni segreteria'. Renzi: 'Mi dimetto ma non mollo, il futuro torna'.

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

MOVIDA VIOLENTA A NAPOLI: IN LOTTA TRA LORO COMITATI, RESIDENTI E GESTORI DEI ‘BARETTI’ TRA VARIE DENUNCE ED ESPOSTI, INASCOLTATE

“Qui ci sono migliaia di persone che si concentrano in aree ristrette aggregandosi nei vari quartieri, e spesso è un mix esplosivo. Un problema sociale”. Così si è espresso il

Qui ed ora

PRIMARIE PD.EMILIANO A NAPOLI:” L’UNICO CANDIDATO CHE PUO’ ESPRIMERE UN CAMBIAMENTO SONO IO.”

Un corno anti jella in ceramica di Capodimonte. E’ l’omaggio che i sostenitori napoletani di Michele Emiliano hanno fatto al candidato per le primarie del Pd la cui campagna elettorale

ultimissime

ISCHIA , TRE ARRESTI DOPO UNA VIOLENTA AGGRESSIONE

Lo hanno colpito con calci, pugni, stringendogli anche le mani al collo. Poi, mentre un maresciallo dei carabinieri stava provando a liberarlo dalla violenza dell’aggressore, sono arrivate altre due persone

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi