VENERDI’ 26 MAGGIO , CASERTA : EVENTO”EX FABBRICHE ” PRESSO IL PARCO DEI PINI

 

Venerdì 26 maggio alle 19:30 a Spazio X si parla di architettura industriale in Terra di Lavoro insieme alla Prof. Arch. Francesca Castanò e al Prof. Arch. Raffaele Marone, docenti presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e tra i primi studiosi ad occuparsi del tema. Con loro intraprenderemo un viaggio alla scoperta delle fabbriche d’autore del casertano, veri e propri esempi di innovazione e che purtroppo oggi in molti casi versano in uno stato di abbandono e degrado. In occasione dell’incontro nel foyer di Spazio X sarà allestita la mostra “Fabbriche. Terra. Lavoro” con fotografie di Lucio Criscuolo, Gino Sarracino e Charlotte Sorensen scattate presso alcune delle fabbriche oggetto dell’incontro. La mostra è a cura scientifica di Francesca Castanò. Anche questa volta durante l’incontro ci sarà la possibilità di ascoltare i contributi audio/video di Paky Di Maio e di vincere un premio messo in palio da LetteraVentidue Edizioni attraverso gli indizi delle vignette di Giancarlo Covino, che catturerà anche il tema della serata con illustrazioni dal vivo. Il format Tracce riprende concettualmente il filone di ricerca cominciato con la trasmissione radiofonica AmàtelA, andata in onda per due edizioni dal 2010 al 2012 su Radio Prima Rete, e consiste in un ciclo di incontri mensili aperti al pubblico con architetti, designer e progettisti, che verranno registrati e rilasciati sul web come podcast. Nel 2010 un gruppo di giovani architetti casertani ha iniziato a parlare di architettura, una volta alla settimana, in radio. Nasce così AmàtelA, trasmissione radiofonica che si ispira al testo di Gio Ponti “Amate l’Architettura”. Dopo due anni di trasmissioni, il progetto ha cominciato ad ampliarsi assumendo nuove forme e nuovi contenuti, fino ad oggi. Oggi AmàteLAB è un’associazione che si rivolge principalmente ad architetti e designer, ma non solo. AmàteLAB è una community, un progetto che parte dall’architettura, coinvolgendo anche altre arti visive e professioni creative, con l’obiettivo di esplorare e sperimentare nuove frontiere di confronto e relazione con la società. AmàteLAB è un laboratorio, non solo virtuale ma anche fisico con la sua nuova sede a Spazio X in cui fare coworking, formazione, eventi e ovviamente continuare l’esperienza cominciata con la radio attraverso le attività di blogging e podcasting.

Previous Tutto il campionato del Napoli riassunto in un articolo. Vittoria o fallimento?
Next IRPINIASANNIO , LE DICHIARAZIONI DEL SEGRETARIO GENERALE MARIO MELCHIONNA :"ANCORA RITARDI ED INCERTEZZE DELLA IIA DI FLUMERI

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

PASQUA: CRESCE IL BUSINESS DELLA COLOMBA ARTIGIANALE, CHE VALE 10 MILIONI DI EURO SULLE TAVOLE DEI CAMPANI

Cresce l’amore  degli italiani per la colomba artigianale, e si moltiplicano nei forni e pasticcerie le proposte d’autore per un business che, secondo stime della Cna, sfiorerà i dieci milioni

Approfondimenti

D’AMBROSIO(PD): “RILANCIARE L’IMMENSO PATRIMONIO DELLA CITTA’ DI NAPOLI, CON DE MAGISTRIS POLITICA DI ISOLAMENTO”

Ai microfoni di Linkabile, si racconta in esclusiva, il candidato PD al Consiglio Comunale di Napoli, Lello D’Ambrosio che riassume brevemente le ragioni della sua candidatura. Quale motivazione l’ha spinta

Approfondimenti

L’acqua un bene pubblico? Non più! Napoli, senza consumazione un bicchiere d’acqua costa 20 centesimi.

L’acqua un bene pubblico? Lo è sempre stato ma sembra proprio che alcuni commercianti se ne siano dimenticati , accecati da una sete di guadagno ora anche un bicchiere d’acqua

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi