VERSO IL VOTO, RENZI: ” LA POLITICA NON E’ IL FANTACALCIO. CHIUNQUE DEL PD SARA’ INCARICATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AVRA’ IL MIO SOSTEGNO”

“Per essere primo gruppo parlamentare, bisogna prendere i voti. E allora il fatto che Letta, Prodi e altri, abbiano annunciato chi il sostegno al Pd chi alla coalizione e all’azione di Paolo Gentiloni, non mi brucia anzi mi fa piacere. Il problema sono i D’Alema che rischiano di far vincere la Lega”. Così dichiara Matteo Renzi aggiungendo: “Sarebbe una falsità enorme dire che sono preoccupato dalle divisioni, ma se Mattarella darà l’incarico a Gentiloni o un altro – ministro o non ministro – del Pd, avrà il mio totale sostegno.

Ho uno straordinario rapporto con Gentiloni, e chiunque del Pd sarà incaricato dal presidente della Repubblica avrà il mio sostegno. Chi alimenta il congresso interno lo lasciamo fare: io e Gentiloni non litigheremo mai“, ha detto Renzi a #Cartabianca aggiungendo che:  “Chi vive queste elezioni come primarie interne non ha capito che rischiamo di svegliarci con una maggioranza di estremisti. Il Pd ha la squadra migliore, le idee più forti e sono talmente buone che gli altri ce le copiano“. Riguardo al PD, Renzi dichiara che: “Io credo che il Pd sarà il primo gruppo parlamentare, spero anche il primo partito . Lancio un appello al voto utile: in corsa per essere il primo partito ci siamo solo noi e M5S. Chi non vota per noi, paradossalmente, aiuta l’ascesa dei grillini. Anzi, di un governo M5S-Lega: il rischio è concreto. Noi? Per me è fondamentale ci sia il Pd davanti. Se non sarà così, il Pd è pronto ad andare all’opposizione: non ce l’ha detto il dottore di andare al governo“. Parlando della lista dei ministri inviata da Di Maio al Colle, Renzi osserva che “la politica non è il fantacalcio. Tutti sanno che nessuno di quei nomi ha chances di fare il ministro. Ma è una straordinaria arma di distrazione: i 5Stelle erano in un angolo con la storia di Rimborsopoli e grazie a questo escamotage nessuno parla più di Cecconi a Pesaro, della Sarti a Rimini, di Dessì in Lazio“.  E la carta vincente per Renzi : “La carta vincente è una squadra di persone per bene e preparate. Gentiloni sta facendo bene il premier e dunque è uno dei nostri assi. Il suo contributo sarà decisivo per vincere il collegio Roma1, la sfida nella Regione Lazio, la partita nazionale“.  Quanto a un possibile governo di unità nazionale, con anche l’M5S, Renzi ritiene “non ci sia spazio per un governo con gli estremisti. E io considero i grillini particolarmente estremisti. Trovo surreale peraltro che desiderino i nostri voti per fare un governo dopo averci insultato per anni”.

Previous VERSO NAPOLI-ROMA, LE PAROLE DI ZIELINSKI:" SARA' UNA SFIDA DELICATA. DOBBIAMO DARE IL MASSIMO"
Next DAZI , TRUMP :" LE GUERRE COMMERCIALI SONO FACILI DA VINCERE"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Dichiarazioni di Giletti su Napoli, un’inutile polemica mediatica

La puntata del programma televisivo L’Arena, andata in onda su Rai1 domenica, ha scatenato una polemica mediatica senza fine. Protagonisti il conduttore Massimo Giletti e il leader della Lega, Matteo

Qui ed ora

Renzi a Napoli:”“C’è molto di più. C’è l’idea che l’identita’ culturale sia la chiave del rinnovamento economico e sociale non solo nel Mezzogiorno.”

“Ho ripreso il trolley dopo qualche settimana di congresso e sono tornato a girare da solo nel profondo del Paese. Ho trascorso qualche ora bellissima a Napoli nel cuore del

Qui ed ora

UE, PADOAN: ” L’INVITO A SBATTERE I PUGNI SUL TAVOLO. NON E’ QUESTA LA VIA MAESTRA IN EUROPA”

“L’invito a sbattere i pugni sul tavolo. Non è questa la via maestra in Europa, i risultati tangibili si sono ottenuti quando l’Italia dimostrava di essere qualcuno che fa, non qualcuno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi