Vevenzuela ,Maduro solleva dall’incarico il Ministro dell’energia elettrica Luis Motta Domínguez

Ennesimo colpo di scena in Venezuela,  Nicolás Maduro, Presidente venezuelano, ha rimosso dalle sue funzioni il Ministro dell’energia elettrica Luis Motta Domínguez, sostituendolo un esperto in materia energetica si tratta di Igor Gavidia, cui è stata assegnata anche la presidenza della compagnia elettrica pubblica venezuelana CORPOLEC. La decisione di rimozione del Ministro è scaturita dopo i ripetuti blackout attribuiti dal governo ad attacchi dell’opposizione. In questo modo secondo fonti presidenziali il cambio dovrebbe contribuire ad accelerare il processo di recupero dell’erogazione dell’energia elettrica.  Maduro in un Twitter ha via ha scritto «Abbiate la massima sicurezza che supereremo gli attacchi al sistema elettrico nazionale da parte dei nemici della pace. L’immensa maggioranza del popolo venezuelano desidera vivere in pace e in tranquillità». Intanto il presidente dell’assemblea nazionale costituente, Diosdado Cabello, vicepresidente del Partito socialista unito del Venezuela, a sostegno delle azioni di Maduro, per il ristabilimento del servizio elettrico, In una conferenza stampa trasmessa dalla tv statale Vtv ha annunciato che «il 6 aprile si svolgerà su tutto il territorio nazionale una mobilitazione in difesa della sovranità e contro l’imperialismo»., evidenziando che «vi sono state proteste in alcuni settori di Caracas contro i blackout da parte di gente che non era residente là e che ha cercato di generare violenza». Ancora non si riesce a trovare un equilibrio in questa tormentata vicenda Venezuelana.

A cura di Raffaele Fattopace 

Previous Ludopatia: al Pordenone Film Festival in finale il film “Ragazzi soli”
Next Lo Strega de Il Papavero al Salone del libro di Napoli

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

SIRIA-USA: TRUMP E LE OPZIONI MILITARI

Gli Stati Uniti, dopo aver incassato il no russo ala risoluzione di condanna dell’Onu, non escludono una risposta militare in Siria. Tra le ipotesi plausibili c’è quella di bombardare il

Qui ed ora

La Lombardia si rifiuta di utilizzare fondi stanziati per i detenuti: “Non rinunciamo al rigore delle regole”

È di pochi giorni fa la notizia che la regione Lombardia ha rifiutato di utilizzare i fondi che la Cassa delle Ammende, ente pubblico istituito presso il Ministero della Giustizia,

Qui ed ora

Mondragone. De Luca:”risolto, dopo 14 giorni nuovi tamponi”

“Abbiamo affrontato il focolaio di Mondragone con rigore e tempestività, abbiamo fatto i tamponi a tutti gli abitanti delle palazzine ex Cirio, sia italiani sia bulgari e persone di varia

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi