“Viento”: viaggio in musica e danza tra Napoli, Siviglia e Buenos Aires

Grande successo ieri sera per lo spettacolo musicale “Viento” nella suggestiva cornice del Maschio Angioino nell’ambito della manifestazione “Estate a Napoli 2014”.

I quattrocento posti a sedere non sono bastati, e i ragazzi del servizio d’ordine sono stati costretti a reperire in giro altre sedie, mentre alcune persone sono rimaste in piedi o affacciate sulla scala laterale per vedere la performance del quartetto musicale capitanato da Salvo Russo.

Il progetto artistico Flamengo Tango Neapolis, nato nel 2009, coinvolge un quartetto di polimusicisti (pianoforte, violoncello, chitarre, violino, oud arabo e due voci) e due coppie di ballerini.

Si tratta di un progetto di contaminazione, che non contrappone ma unisce tre stili, tre culture, quella della musica classica napoletana, quella del flamenco spagnolo e quella del tango argentino che hanno un unico filo comune: la passione.

Così in un viaggio immaginario tra Napoli, Siviglia e Buenos Aires la notte si tinge della magia delle note delle più belle canzoni della tradizione partenopea, come “Lu Guarracino”, “A’ Vucchella”, “Resta cu’ me” e tante altre, che hanno accompagnato le colorate coreografie che hanno guidato gli spettatori ora in Andalusia, ora in Sudamerica. Il tutto in un crescendo che ha visto spesso la partecipazione del pubblico in uno spontaneo accompagnamento di battito di mani che scandiva il tempo.

Il romanticismo, la sensualità e la passione di tre popoli “sanguigni” sapientemente miscelata attraverso i passi di danza, l’impeccabile esecuzione dei musicisti e la calda voce di Salvo Russo, ha realizzato sul palco un quadro colorato e capace di affascinare il pubblico. La naturale scenografia del cortile di  Castel Nuovo ha fatto il resto per più di un’ora e mezza di spettacolo. Gli spettatori partenopei sono sembrati ben disposti ad accogliere questo riuscitissimo connubio tra mondi diversi ma ugualmente coinvolgenti, forse anche perché già abituati al sodalizio tra argentini, spagnoli e napoletani che si realizza attraverso la maglia azzurra del Napoli ogni domenica allo Stadio San Paolo.

Previous La speranza che non basta più
Next Pietrarsa: 6 agosto 1863, la strage dimenticata

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Cùmbiamela – La grande noche de Cumbia  Al Lanificio 25 i travolgenti ritmi amazzonici di Radio Tahuani

Una serata tutta da ballare, con ritmiche caraibiche e amazzoniche che si fondono con i suoni psichedelici delle chitarre elettriche: al Lanificio 25 arriva Cùmbiamela – La grande noche de

Cultura

“Parole D’Ammore” , il nuovo capolavoro di Salvatore Palomba!

“Parole d’Ammore”, è l’ultimo lavoro di Salvatore Palomba , uno dei maggiori autori della tradizione partenopea ,infatti ,portano la sua firma canzoni come: Carmela e Amaro è ‘o bene, musicate

Cultura

Universo Miró, il segno e la materia

Quando il cancello si apre sul grande cortile e sulla terrazza che abbraccia tutta Roma, ci si sente già fortunati di poter godere di tanta bellezza. Poi, lo splendido edificio

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi