Vinitaly: spazio all’eccellenza campana

«Essere a Vinitaly è una importante opportunità per la Campania. E quest’anno ci saremmo con molta più partecipazione e con iniziative con le quali accompagneremo i nostri produttori. Sono 117 le imprese campane accreditate che occuperanno lo spazio regionale che raccoglie le province della Campania e l’area è collocata nel padiglione B della tensostruttura.» Così l’assessore regionale alla Agricoltura Daniela Nugnes nel presentare la manifestazione giunta alla sua 48esima edizione e che quest’anno si preannuncia carica di novità. L’iniziativa coordinata dalla Regione Campania e da Unioncamere Campania, si svolgerà dal 6 al 9 aprile a Verona. Con la Nugnes anche l’assessore alle Attività Produttive della Regione, Fulvio Martusciello, e il Presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone. Quest’ultimo ha sottolineato: «Una partecipazione al Vinitaly  che rappresenta solo una tappa di un lungo percorso che il sistema regionale delle Camere di Commercio ha messo a punto per l’accompagnamento e la promozione delle nostre aziende vitivinicole. Lo scorso anno le nostre aziende del comparto hanno partecipato ad importanti eventi di degustazione, solo per citarne alcuni, a Londra e a Monaco di Baviera, quest’ultimo ancora in corso nei grandi magazzini Kaufhof e terminerà a fine mese.»

De Simone ha ricordato che le imprese del comparto della provincia di Caserta che metteranno in “mostra” le eccellenze vitivinicole sono 25. «Le nostre aziende» ha poi aggiunto «sono prevalentemente piccoli produttori presenti sui mercati nazionali ed esteri e proprio l’export rappresenta il punto di forza delle nostre eccellenze agroalimentari.»

Vinitaly, infatti, possiede la capacità di attrarre a Verona oltre 50mila operatori esteri da 120 Paesi con specifiche iniziative per favorirne l’incoming, unita ad un format che si rinnova di edizione in edizione. Per il 48° Vinitaly il quartiere fieristico è stato ampliato, superando i 100.000 metri quadrati netti venduti. Novità assolute di quest’anno, che si sviluppano sul doppio binario di una crescente internazionalizzazione e una particolare attenzione al panorama delle produzioni biologiche, sono Vininternational, International Buyers’ Lounge e Vinitalybio. L’intento è quello di valorizzare le produzioni enologiche che seguono le norme del regolamento UE e di rispondere a una precisa domanda del mercato, in particolare nei Paesi del Nord Europa, dell’America del Nord e dell’Estremo Oriente.

Previous Campania con i Rom: il Comitato incontra l'assessore Gaeta
Next Teologia del dovere e della fede

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

CALO PRODUZIONE LAVORO DAL GENNAIO 2014

Secondo una recente ricerca fatta dall’Istat, pare che i lavori di costruzioni  hanno avuto un lieve calo dal gennaio 2017.  la stessa Argenzia rivela che il lavoro nei mesi successivi

Economia e Welfare

GIOVANI, D’AMELIO: “BENE APPROVAZIONE LEGGE ORA AL PIU’ PRESTO IN AULA”

Sono molto soddisfatta per l’approvazione in VI Commissione Consiliare Cultura e Politiche Sociali del disegno di legge “Costruire il futuro. Nuove politiche per i giovani”. E’ un provvedimento al quale

Economia e Welfare

GAETANO DI VAIO RIENTRA IN CARCERE COME REGISTA. CON LUI SI CHIUDE IL PROGETTO “FILMTHERAPY” A POGGIOREALE

Gaetano Di Vaio le ferite inflitte dalle sbarre  le conosce bene. Le porta, nonostante il tempo, ancora tutte addosso e te ne accorgi quando, mentre  varca la soglia della porta

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi