VINSANNIO FESTIVALART: SCELTI I VINCITORI DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA PAESAGGIO RURALE

Il 9 gennaio presso la Sala Consiliare del Comune di Guardia Sanframondi si è riunita la Commissione Giudicatrice del Concorso Internazionale di Fotografia Paesaggio Rurale, organizzato nell’ambito del progetto “VinSannio FestivalArt. Le città del vino verso l’UNESCO”.
La commissione composta da Ferdinando Creta, direttore artistico del festival; Maria Savarese, storica dell’Arte e Curatrice indipendente; Fabio Donato, docente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e Giacobbe Falato, pittore guardiese, ha molto apprezzato tutte le foto in concorso, decidendo poi di premiare, per la sezione professionisti, Angelo Marra (1° posto) e Alessio Verna (2° posto) e per la sezione amatoriale Nicola Fallocco e Concetta Marroccoli, rispettivamente con il 1° e 2° posto.
Le motivazioni sottolineano tutte il carattere di originalità delle foto, e le diverse modalità di lettura del paesaggio rurale aprono uno squarcio sulla sua natura mutevole, la dinamicità degli spazi abitati e trasformati dall’uomo, su elementi persistenti o in abbandono e sui diversi modi di intendere la relazione uomo e ambiente. Il paesaggio costituisce la cornice fondamentale entro cui si colloca il patrimonio culturale e naturale di un popolo, che deve quindi essere preservata e valorizzata, come importante memoria dei luoghi.

Previous VIOLENZA A NAPOLI: CITTA' DEGLI "ANNUNCI"
Next LIBERA, PRESIDIO DI TORRE ANNUNZIATA "RAFFAELE PASTORE E LUIGI STAIANO"

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

NAPOLI E POMPEI : GRANDI CANTIERI APERTI PER UNA STORIA INFINITA

Non è forse una novità per chi è attento alla storia del territorio campano ,eppure le continue scoperte lasciano sempre sbalorditi .La Campania , di cui Napoli è il centro

Cultura

ISCHIA , FESTA DI SANT’ANNA : TRA MITI E TRADIZIONI

Anche quest’anno ritorna, per il 26 luglio 2017, la Festa a Mare agli Scogli di Sant’Anna. Una serata unica, nell’incantevole scenario di Ischia e del Castello Aragonese che  consuma il

Cultura

La storia di Raffaele Viviani in sei puntate

Viviani è stato anche la maschera di Pulcinella. Con la morte di Antonio Petito nel 1876 questa maschera continuò ad essere un grande mito di identificazione regionale, ma rimase confinata

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi