VINSANNIO FESTIVALART: SCELTI I VINCITORI DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI FOTOGRAFIA PAESAGGIO RURALE

Il 9 gennaio presso la Sala Consiliare del Comune di Guardia Sanframondi si è riunita la Commissione Giudicatrice del Concorso Internazionale di Fotografia Paesaggio Rurale, organizzato nell’ambito del progetto “VinSannio FestivalArt. Le città del vino verso l’UNESCO”.
La commissione composta da Ferdinando Creta, direttore artistico del festival; Maria Savarese, storica dell’Arte e Curatrice indipendente; Fabio Donato, docente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e Giacobbe Falato, pittore guardiese, ha molto apprezzato tutte le foto in concorso, decidendo poi di premiare, per la sezione professionisti, Angelo Marra (1° posto) e Alessio Verna (2° posto) e per la sezione amatoriale Nicola Fallocco e Concetta Marroccoli, rispettivamente con il 1° e 2° posto.
Le motivazioni sottolineano tutte il carattere di originalità delle foto, e le diverse modalità di lettura del paesaggio rurale aprono uno squarcio sulla sua natura mutevole, la dinamicità degli spazi abitati e trasformati dall’uomo, su elementi persistenti o in abbandono e sui diversi modi di intendere la relazione uomo e ambiente. Il paesaggio costituisce la cornice fondamentale entro cui si colloca il patrimonio culturale e naturale di un popolo, che deve quindi essere preservata e valorizzata, come importante memoria dei luoghi.

Previous VIOLENZA A NAPOLI: CITTA' DEGLI "ANNUNCI"
Next LIBERA, PRESIDIO DI TORRE ANNUNZIATA "RAFFAELE PASTORE E LUIGI STAIANO"

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

“LA STRANA QUADRATURA DEI SOGNI”: ALEX CAPUS RACCONTA LA VITA DI TRE PERSONAGGI CHE HANNO SEGNATO, IN MODO INDELEBILE, LA STORIA

“È l’inizio di novembre del 1924. Il lago di Zurigo scintilla d’argento nonostante la foschia mattutina. Il convoglio dell’Orient-Express diretto a Parigi sta arrivando in stazione; sull’ultima carrozza, accanto allo

Cultura

“IN TERRA ,IN CIELO “con Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia musiche composte ed eseguite da Gabrio Baldacci

Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia guardano al don Chisciotte attraverso uno sguardo donchisciottesco, in un rapporto reciprocamente immaginifico con la chitarra baritono Danelectro di Gabrio Baldacci. IN TERRA IN CIELO è uno spettacolo che nasce

Cultura

UMBERTO ECO E IL PROBLEMA DELLA MEMORIA PERDUTA

A pochi giorni dalla perdita di uno dei più grandi personaggi della cultura moderna italiana, Umberto Eco, ritorna prepotente, anche grazie al ricordo di suoi pensieri, il problema della memoria.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi