Vittoria per i lavoratori iscritti alla FAI –CISL della Azienda Ferrero. Stabilimento di Sant’Angelo dei Lombardi

Sono arrivate buone notizie per i lavoratori iscritti alla FAI-CISL. Tutto questo grazie al buon lavoro dell’Ufficio Legale  della FAI-CISL IrpiniaSannio, il Tribunale di Benevento  con la sentenza n. 828/2019 del 21/06/2019, ha riconosciuto a  due lavoratori iscritti alla Fai Cisl  della Azienda  Ferrero Industriale Italia S.r.l., occupati presso lo Stabilimento di Sant’Angelo dei Lombardi, l’anzianità contributiva completa di 52 settimane annue, per i periodi di part-time verticale  ciclico. In sintesi, ai lavoratori occupati con part-time verticale ciclico, ai fini pensionistici, vanno inclusi nell’anzianità contributiva anche i periodi non lavorati. Fernando Vecchione,  Segretario Generale ha annunciato : “la Fai è la prima organizzazione che ha sempre sostenuto il riconoscimento di questo diritto per i  lavoratori con  part time verticale ciclico. Un  percorso avviato, unitamente al Patronato Inas Cisl,  agli inizi dell’anno 2017, che sta avendo esiti positivi. Questa vittoria fa seguito  alle recenti pronunce dei colleghi della  Azienda Ferrero di Alba (CN). L’augurio è che questo principio venga recepito automaticamente dall’Inps al fine di evitare un annoso contenzioso”.

Previous Torna BENINSIEME 2019 al Nabilah
Next D'Amelio, Mortaruolo e Petracca presentano progetto Biowine

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

La Campania produce grano duro a costi bassissimi. Agrinsieme protesta in Regione

Si è tenuto oggi  un presidio  di protesta e di proposta “Crisi del prezzo del grano-Noi non seminiamo più”, organizzato da Agrinsieme ,  Confederazione italiana agricoltori,  Copagri, Allenza delle Cooperative

Economia e Welfare

GIORNO DELLA MEMORIA PER I CADUTI AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’

“Giorno della Memoria” per commemorare in forma semplice e solenne i servitori della Repubblica caduti nell’adempimento del dovere e tutte le vittime del terrorismo, della mafia e di ogni altra

Economia e Welfare

Istat: un milione di famiglie senza lavoro

Il numero delle famiglie senza redditi da lavoro scende (-1,4%) passando dalla media del 2016 a quella del 2017, anche se risulta ancora sopra il milione, precisamente a quota 1

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi