VODAFONE LANCIA ACTION FOR 5G: IL PRIMO BANDO DEDICATO ALLE STARTUP GIOVANI

Vodafone Italia lancia Action for 5G, il primo bando dedicato alle startup che vogliono contribuire con le loro idee innovative allo sviluppo del 5G in Italia con l’intento di creare “un ecosistema di aziende, sviluppatori e innovatori attorno al 5G, per trasformare Milano nella capitale europea del 5G con un investimento totale di 10 milioni di euro in 4 anni”.

Il bando è aperto a startup innovative (già costituite o costituende), Pmi e imprese sociali “con asset di unicità e proprietà intellettuale e team dedicati al progetto presentato”.Ogni anno Vodafone metterà a disposizione 2,5 milioni di euro per 4 anni, per un totale di 10 milioni di euro, in servizi di consulenza tecnico-specialistica o in denaro e l’accesso all’Open Lab di Vodafone e del Campus Open Lab del Politecnico di Milano nonché agli spazi e servizi del PoliHub.

Previous M'Barka Ben Taleb e Marzouk Mejri in concerto per "Tunisi canta Napoli" domani 13 gennaio alla Casina Pompeiana
Next AL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE NASCE "IL NAPOLI NEL MITO",MOSTRA DEDICATA ALLA STORIA DEL NAPOLI CALCIO !

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

TERRORISMO: LA COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDA LA RIMOZIONE DI CONTENUTI PERICOLOSI ON LINE

Il terrorismo colpisce ancora, ma questa volta lo fa senza armi, apparentemente, pericolose, lo fa attraverso il web. Attraverso quel mezzo che avvolge tutto il mondo e in cui, davvero,

Approfondimenti

MARINO(pd) A CASERTA PRENOTA LA POLTRONA DI SINDACO

    “Da domenica ci sarà un nuovo modo di governare e di vivere la città, con una rinnovata partecipazione, con una cittadinanza attiva”. A tre giorni dal ballottaggio questo

Approfondimenti

BORRELLI(VERDI):”IL FUTURO E’ RAPPRESENTATO DALLE ENERGIE RINNOVABILI. BISOGNA PENSARE ALL’AVVENIRE DEI NOSTRI FIGLI. E’ PER QUESTO CHE DICIAMO SI’ AL REFERENDUM DEL 17 APRILE PROSSIMO”

“L’impegno del referendum abrogativo era stato preso in campagna elettorale dal nostro partito, con Vincenzo De Luca. Un accordo basato su tre punti: no alla realizzazione di nuovi inceneritori, investimenti

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi