WEB 3.0: ANCHE LE SPIAGGE DIVENTANO 3.0

Anche il mare può divenire 3.0, grazie al web. Tutto grazie ad un’app così piena di  travel-friendly ed easy. Si chiama “Sunsiit” e ti permette di trovare il tuo posto ideale in spiaggia, prenotare il tuo lettino e programmare la tua giornata di relax. L’idea è partita da  tre siciliani. Attraverso un’interfaccia molto semplice ed intuitiva, scaricando l’app su iOS o Android, l’utente potrà prenotare ombrellone, sdraio o posto in spiaggia, ma anche il proprio aperitivo, comodamente dal proprio smartphone. Uno strumento digitale che punta a stravolgere il turismo balneare nella sua dimensione 3.0. Oltre 100, in questa prima fase di lancio, i lidi affiliati in Sicilia e in altre località balneari nazionali.Grazie a questa app  il relax è davvero a portata di touch. Non è un caso se a far da eco al nome di Sunsiit, ci sia lo slogan “find your relax”  .

Scegliere la fila in spiaggia, il numero di ombrelloni, ma anche quello dei lettini, targhettizzare la scelta mediante i servizi disponibili,  sembra essere una vera e propria passeggiata.

Previous Forza Italia, D'Anna (Ala-Sc): "Che ci sia chi vuol tornare con Berlusconi è comprensibile. Motto degli italiani è tengo famiglia"
Next RITIRO NAPOLI , LE DICHIARAZIONI DI MILK :"L'INFORTUNIO MI HA RESO PIU' FORTE .VOGLIAMO LO SCUDETTO "

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

L’8 MARZO, LA FESTA DELLE DONNE E LE DIFFERENZE DI GENERE IN POLITICA

La festa delle donne, quest’anno, arriva un giorno dopo la proclamazione della vittoria di Valeria Valente alle primarie del centrosinistra a Napoli, una delle tre candidate donne che si sono

Approfondimenti

L’app Satispay si apre al risparmio

Satispay si apre al mondo del risparmio, dando la possibilità agli utenti di creare dei salvadanai per arrivare, un domani, a investire in fondi pensione ma anche su gestioni patrimoniali

Approfondimenti

Udine , strangolata in auto dal fidanzato: Nadia, l’ennesima vittima di femminicidio!

Molte sono le vittime di femminicidio, che ogni giorno sono costrette a subire gravi forme di violenza e quando la situazione sfugge al controllo addirittura perdere la vita. Vittime di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi