WHATSAPP VA IN BLACKOUT, COLPA DI UNA TEMPESTA SOLARE IN ATTO

 

Il prolungato blackout che da ormai diverse ore ha mandato in tilt in tutto il pianeta, Whatsapp,  la più famosa App di comunicazione del mondo, potrebbe essere stato inflitto  dalla tempesta solare in atto. La NOAA aveva annunciato che proprio nel corso della serata del 3 maggio, una nube di particelle cariche avrebbe investito il campo magnetico terrestre a seguito dell’esplosione di un filamento magnetico sul Sole il 30 aprile scorso.

E’ ancora presto , adesso, capire se  sia la tempesta solare a provocare questi problemi alle telecomunicazioni, anche se sappiamo che può determinare tali problemi.

Se si trattasse di qualcosa del genere, si rischierebbe il caos per le telecomunicazioni nel mondo. Si stima, infatti, che un evento anche se di lieve entità,  potrebbe mandare in tilt il sistema con cui la Terra si trova in rete tramite il web, vista l’importanza che ai giorni nostri hanno assuto proprio le telecomunicazioni, di cui nessuno oggi giorno, può farne a meno.

Previous PRIMARIE PD: RENZI STUPISCE TUTTI
Next I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DELLA CAMPANELLA DI CAPRI

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Senatore Cuomo non opta. M5S attacca il pesidente Grasso che dichiara: “è decisione giunta, posso solo prendere atto.”

La Giunta per le Elezioni e le Immunità del Senato dà 3 giorni di tempo al parlamentare del Pd Vincenzo Cuomo per decidere se accettare il nuovo incarico di sindaco

Qui ed ora

SENTENZA CASSAZIONE, PANINI (DEMA): “LEGHISTI COME LA PRIMA REPUBBLICA”

La sentenza della Corte di Cassazione in merito alla sottrazione di fondi pubblici da parte della Lega Nord ha indicato il sequestro dei 49 milioni di euro ovunque siano finiti.

Qui ed ora

Inps, 19.806 domande Quota 100, top Roma

Sono arrivate a 19.806 le domande presentate all’Inps per la pensione anticipata ‘quota 100′ fino alle 19 di ieri sera. E’ l’ultimo aggiornamento fornito dallo stesso Istituto di previdenza, dal

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi