XENOFOBIA ISTITUZIONALE ELVETICA. “VIETATO TOCCARE”: ECCO I VOLANTINI PER I RIFUGIATI DEL CANTON LUCERNA

 

Non è un brutto scherzo di Carnevale quello che ieri è apparso a pochi chilometri dai nostri confini: le autorità del Canton Lucerna hanno lanciato una campagna di prevenzione destinata ai rifugiati a mezzo opuscoli che mostrano come devono comportarsi nei confronti delle donne svizzere.Nelle “maldestre” intenzione ci sarebbe la volontà di placare i timori dei cittadini, al fine di prevenire delle aggressioni dopo le presunte aggressioni della notte di San Silvestro Colonia. Uno dei disegni presente nell’opuscolo arriva a spiegare esplicitamente che il palpeggiamento non è un comportamento tollerato in Svizzera. L’immagine è accompagnata dalla seguente didascalia: “Il contatto fisico tra due persone si verifica solo quando le persone si conoscono e sono entrambe consenzienti. La violenza sessuale è vietata”. Un po ‘più in basso c’è scritto anche che “gli atti sessuali sui minori di 16 anni sono vietati per legge“. L’opuscolo affronta pure la tematica dell’uguaglianza fra i due sessi: “Le donne e gli uomini possono muoversi liberamente nello spazio pubblico. Se qualcuno vuole essere lasciato in pace, dobbiamo rispettarlo”. In tutto sono una ventina le vignette accompagnate da succinte didascalie in cui si elencano le regole fondamentali di un corretto stile di vita da tenere nella società elvetica. Il Canton Lucerna si è ispirato all’Austria per la creazione dei suoi volantini. Altri cantoni svizzeri avrebbero espresso interesse per il lancio di una campagna simile. In questi giorni il materiale informativo viene distribuito in tutti i centri del cantone che ospitano richiedenti asilo. Per ora sono state stampate 4000 copie, ha detto la portavoce del Dipartimento della socialità Silvia Bolliger. Diverse Guggen, che sono delle bande musicali che si esibiscono durante il periodo di Carnevale, hanno annunciato che accoglieranno tutte le donne che si sentiranno in pericolo nei giorni in questione. “Ne abbiamo discusso molto tra i componenti della banda – ha riferito nella trasmissione “20 Minuten” l’autore di questo pubblicazione, che ha voluto rimanere anonimo. Vogliamo dare alle donne un senso di sicurezza e mostrare loro che non sono sole”. In caso d’aggressione le Guggen “lasceranno agire la polizia”. Il loro scopo è quello di scoraggiare l’azione a potenziali abusatori e proteggere le vittime, “Con 60 persone intorno a loro, le donne si sentiranno più sicure”. Xenofobia istituzionale che ancora una volta trova conferma in gesti e atti censurabili, con il rischio concreto che comportamenti del genere possano essere emulati anche da qualche “razzistello” del nostro Paese se le autorità internazionali, anche a partire Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, non faranno sentire le loro proteste ufficiali di fronte a queste manifestazioni di odio che nulla hanno a che vedere con il compito educativo che si vorrebbe far credere rappresentassero.

 

Previous FORZA ITALIA BOCCIA LE PRIMARIE A NAPOLI, LA SCELTA È LETTIERI
Next "MARADONA,SOGNO DI UN BAMBINO", IL LIBRO DI CECI APPASSIONA NAPOLI

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

GLI ADOLESCENTI DI OGGI SONO SEMPRE PIU’ INFORMATI SUI TEMI DELL’AMBIENTE E AD UNO STILE DI VITA PIU’ SOSTENIBILE

Gli adolescenti di oggi, sono sempre più attenti e informati sui temi dell’ambiente: a tracciarlo è l’indagine ‘Adolescenza e Ambiente di Vita’, realizzata dall’associazione Laboratorio Adolescenza in collaborazione con Legambiente,

Approfondimenti

L’ innalzamento degli oceani può seppellire i cavi

Secondo l’indagine guidata da Paul Barford, professore di ‘computer science’, nel 2033 i danni saranno già massicci,  “La maggior parte dei danni dall’innalzamento dei mari che avevamo immaginato avere luogo

Approfondimenti

COMMON GALLERY, IL 12 APRILE CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEGLI EVENTI DI APRILE

Mercoledì 12 aprile, alle ore 10.30, presso la Galleria Principe di Napoli (presso l’ufficio di Informagiovani) si terrà la conferenza stampa di presentazione della rassegna di eventi organizzati da Medea

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi