Black Friday 2019: shopping da record.

Black Friday 2019. Ormai ci siamo, manca pochissimo all’ultimo venerdì del mese, giorno in cui si celebra questa particolare ricorrenza e si possono trovare sconti, promozioni ed offerte molto interessanti. Ma quali sono le origini del Black Friday? Perché si festeggia e quando è nata questa tradizione americana, ormai esportata anche in Italia? Ecco tutto quello che serve sapere in vista di questa giornata così speciale, soprattutto per gli acquisti online.

Immagine correlata

Il Black Friday 2019 cade quest’anno il 29 novembre. Il Venerdì Nero è una “festività” se così si può dire che cade ogni anno il giorno dopo il Thaksgiving, ossia il Ringraziamento e si dà ufficialmente il via al periodo degli acquisti natalizi. A livello commerciale questo è un giorno cruciale per le vendite. Approfittando degli sconti infatti sono tantissime le persone che si “tuffano” nei negozi e soprattutto nelle grandi catene per comprare tutti i regali di Natale con anticipo e soprattutto con un prezzo ridotto rispetto all’originale. Non è una leggenda infatti che moltissime persone si accampino letteralmente davanti a grandi catene come Apple, Nike, Samsung… per cercare di essere i primi ad entrare nel negozio la mattina del Black Friday e acquistare il prodotto che desiderano. Stessa cosa succede online. Molte persone infatti si posizionano davanti al computer, con il mouse pronto a procedere all’acquisto allo scoccare della mezzanotte.

Le origini del Black Friday, più che altro del nome che è stato dato a questo venerdì, sono incerte. Alcuni sostengono che sia legato al traffico stradale di Filadelfia che aveva bloccato tutta la città proprio il giorno dopo il Ringraziamento. Altri invece, e pare sia l’ipotesi più accreditata, sostengono che la dicitura di black si rifarebbe al colore nero che indica la ripresa delle vendite dopo il “rosso” colore che indica le perdite sul conto in banca.

Oggi il Black Friday è famoso in tutto il mondo, ma fu la catena Macy’s in America che nel 1924 organizzò la prima parata di sconti proprio per celebrare lo shopping natalizio. Dagli anni ’80 in poi ci fu una vera e propria esplosione di questa giornata e tutti ne divennero matti. Oggi il Black Friday si celebra praticamente in tutto il mondo. In Italia, a parte alcune catene, gli sconti si trovano soprattutto online.

Lo scorso anno le vendite nella settimana del Black Friday hanno superato i ricavi del Natale in Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Spagna, Polonia e Brasile. Come andrà il Black Friday 2019? Secondo le indagini GfK, i consumatori sono sempre più propensi ad acquistare prodotti top di gamma in offerta, piuttosto che scegliere i modelli più economici.

Per tutti questi motivi, GfK prevede che il Black Friday 2019 supererà tutti i precedenti record di vendita. Lo scorso anno la crescita delle vendite è stata importante soprattutto nel settore Tech & Durables: l’Italia ha registrato un +42% rispetto al 2017. Molto positivo il trend anche in Germania e Francia, cresciute rispettivamente del +15% e del +13%, mentre la Spagna ha visto una crescita più contenuta (+7%).

Ma cosa pensano i consumatori italiani del Black Friday e cosa si aspettano da questo evento promozionale? Secondo quanto emerge dallo studio GfK Black Friday – che indaga aspettative, desideri e comportamenti reali di acquisto degli italiani – il 73% degli italiani conosce bene il Black Friday e il 43% dichiara di avere un forte desiderio di fare acquisti durante questa occasione.
Lo scorso anno, inoltre, il 45% degli italiani ha acquistato i regali di Natale durante il Black Friday, percentuale che sale all’83% tra chi ha effettuato gli acquisti online. Ci sono poi alcuni trend di fondo che riguardano i consumatori di tutto il mondo e che potranno influenzare l’andamento del Black Friday 2019. Rispetto al passato, oggi i consumatori sono più esperti e passano molto più tempo a fare ricerche prima di fare acquisti. Secondo lo studio GfK FutureBuy, quasi la metà (45%) dei consumatori europei confronta i prezzi più spesso rispetto al passato. Questo succede ancora di più prima del Black Friday, quando i consumatori sono incoraggiati a confrontare i prezzi per cercare l’offerta migliore. Un’altra caratteristica comune ai consumatori di tutto il mondo è la ricerca della semplicità. Un numero crescente di persone pensa di “avere troppa scelta” quando effettua degli acquisti: ne sono convinti il 42% dei consumatori in Europa e il 67% in APAC. Ridurre il numero degli articoli in promozione può quindi aiutare il percorso di acquisto dei consumatori durante il Black Friday.

Black Friday: i consumatori cercato prodotti Premium a prezzi convenienti
Nei Paesi dove le vendite del Black Friday hanno già raggiunto o superato il Natale – come Gran Bretagna, Germania, Francia, Francia, Italia, Spagna, Polonia, Russia e Brasile – molti Produttori e Retailer stanno puntando sulla promozione del segmento Premium in questo particolare periodo dell’anno. I consumatori sono quindi incoraggiati ad acquistare prodotti top di gamma in offerta ,piuttosto che modelli più economici.
La ricerca di prodotti Premium non è solo un fenomeno indotto dalle promozioni, ma riflette alcuni cambiamenti nelle attitudini e nei desideri dei consumatori: infatti, una persona su due pensa che sia “importante concedersi qualcosa” di tanto in tanto. Anche la qualità è una caratteristica sempre più apprezzata: il 49% dei consumatori preferisce “possedere meno articoli, ma di qualità superiore” mentre il 45% “acquista solo da brand di fiducia”

Previous Gli Usa condannano l'uso della forza su manifestanti in Ira
Next Donna morta per trasfusione di sangue infetto: maxi risarcimento dello Stato

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Manutenzione della Stazione Circum di San Giorgio a Cremano, Sicurezza per cittadini e viaggiatori

Manutenzione straordinaria nella Stazione Circum di San Giorgio a Cremano. Sono partiti gli interventi all’Armamento Ferroviario della rete EAV per la messa in sicurezza dei treni e quindi dei viaggiatori.

Approfondimenti

IL GRANDE ROBERT CAPA, EROE DEL FOTOGIORNALISMO, RIPERCORRE I CONFLITTI DEL XX SECOLO

Ripercorrono i conflitti del XX secolo, dalla guerra civile spagnola al­lo sbarco in Normand­ia fino alla guerra in Indocina: sono  le circa cento immagi­ni in bianco e nero scattate da

Approfondimenti

Ambiente, M5S: Vallo di Diano e Cilento come la Terra dei Fuochi, assenti i sindaci in Commissione

“Tutti i sindaci dei Comuni del Vallo di Diano avrebbero dovuto raccontare le criticità dei territori che amministrano rispetto agli atti contenuti nel processo Chernobyl. Un’adizione convocata davanti alla III

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi