MATTARELLA: ” GLI STATI HANNO L’OBBLIGO DI DIFENDERE I CITTADINI DAGLI ATTACCHI DEL WEB”

“Gli Stati hanno l’obbligo di difendere i loro concittadini dagli attacchi virtuali”. Lo ha sottolineato il presidente Mattarella parlando di cybersecurity dalla Lettonia. “Gli strumenti tradizionali, anche i più perfezionati e avanzati di difesa, sono inermi rispetto a questi pericoli e a queste insidie. Per questo i giganti del Web, che hanno realizzato Internet, hanno la responsabilità di renderlo un luogo di libertà e non un luogo di insidie. Sono queste le necessità: quelle di mettere insieme, in maniera determinante – e questo lo può fare l’Unione e non i singoli Stati -ha affermato Mattarella- tutti questi soggetti perché intervengano in maniera coordinata in questo senso”. “Ma la cosa più importante – ha spiegato il presidente – è creare gli anticorpi della società, cominciando dalla scuola, dalla continua formazione dell’uso del Web. Cioè la vera difesa e il vero anticorpo contro le insidie cibernetiche è anzitutto lo spirito critico dei cittadini”.

Previous Inkiostro: Emidio Clementi & Corrado Nuccini a Cori
Next SERIE A ,INTER-FIORENTINA :2-1 DECIDONO ICARDI E D'AMBROSIO

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

La Consulta dichiara l’illegittimità del primo decreto sicurezza di Salvini e il Governo indugia ancora

La Consulta dichiara l’illegittimità del primo decreto sicurezza e il Governo indugia ancora Lo scorso 9 luglio la Corte Costituzionale, esaminando le questioni di legittimità costituzionale sollevate dai Tribunali di

Officina delle idee

GIOVANI DEMOCRATICI E I CONSIGLIERI DELLA REGIONE CAMPANIA S’INCONTRANO PER DISCUTERE DEL REFERENDUM DEL 17 APRILE

Ieri, giovedì 31 marzo, presso la sede del Consiglio regionale della Campania, si è tenuta un’assemblea pubblica nell’ambito della campagna referendaria promossa dai Giovani Democratici. Sono stati proprio i Giovani

Officina delle idee

MOVIMENTO AFRICA MISSION:VIENI E VEDI. LE TESTIMONIANZE

Sono tornati da pochi giorni i giovani del primo gruppo (Piacenza e Fabriano). Adesso è la volta di Mede e Bucciano, in Uganda da dieci giorni. Si sa, per ognuno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi