Pariota:”Enogastronomia italiana, fascino irresistibile e occasione per i giovani”

Musei, moda, arte? Sì, certo. Ma soprattutto mangiare e bere divinamente. Ecco cosa cercano gli stranieri quando visitano il nostro Paese. Lo sapevamo già, ma adesso lo certificano i numeri: il turismo in Italia vale 100 miliardi di euro (Fonte: Iriss-Cnr), nel mondo siamo a circa 9mila miliardi; nel 2018 ben 94milioni di turisti hanno speso nel Belpaese poco meno di 42miliardi di euro (Fonte: Enit), nello stesso periodo noi italiani ne abbiamo spesi 25 all’estero. Fiore all’occhiello, l’enogastronomia. Un fascino intramontabile e irresistibile. Al punto che la spesa media per un’esperienza Food & Wine rigorosamente Made in Italy supera quella rivolta al mare e alla montagna. Non è finita.

L’Organizzazione Mondiale del Lavoro ha previsto per il settore “ospitalità e ristorazione” una crescita economica significativa nei prossimi 5 anni. Non occorre la palla di vetro per suggerire ai nostri giovani di puntarvi con convinzione. E con la necessaria tenacia.

Previous IL NAPOLI GIOCA UN PRIMO TEMPO SONTUOSO, POI SOFFRE CONTRO LA LEONESSA.MERTENSMANIA A NAPOLI!
Next Donna rifiuta trasfusione per motivazione religiose e muore. 70enne era ricoverata nel Casertano. Primario:"l'avrei salvata."

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

CAMPANIA: RIPARTONO LE “GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO”, LA MANIFESTAZIONE PROMOSSA DAL CONSIGLIO D’EUROPA E DALLA COMMISSIONE EUROPEA PER POTENZIARE LO SCAMBIO CULTURALE FRA LE NAZIONI EUROPEE

Dopo il successo delle passate edizioni con un elevato numero di eventi dedicati e una partecipazione di pubblico superiore alle aspettative, ritorna l’appuntamento con le “Giornate Europee del Patrimonio“, la manifestazione

Officina delle idee

PARIOTA:”C’E’ UN ALGORITMO CHE CON PRECISIONE CI DIRA’ LA DATA DELLA NOSTRA MORTE. FELICI DI NON SAPERE!”

Teniamoci forti; il giorno in cui sapremo quando si passerà a miglior vita è vicino. A darci la ferale notizia uno studio pubblicato sulla rivista Nature. Ci racconta che i ricercatori

Officina delle idee

LE AGEVOLAZIONI DEGLI STUDENTI-LAVORATORI

Sempre più giovani si ritrovano a dover lavorare e studiare insieme, pur di mantenersi all’Università, per non gravare sui genitori, per voglia di indipendenza, oppure semplicemente per scelta. La scelta

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi