A POMPEI SABATO SECONDA GIORNATA REGIONALE DELLA MISERICORDIA.PRESENTI DUECENTO DETENUTI.

Sabato 22 aprile presso il Pontificio Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei.Saranno duecento i detenuti che, sabato 22 aprile, parteciperanno, nella città mariana, alla II Giornata Regionale della Misericordia degli Istituti Penitenziari della Campania. Ad ospitare l’incontro sarà nuovamente il Santuario di Pompei, già méta, lo scorso anno, del Giubileo delle Carceri.
Provenienti dai diversi istituti di pena campani, i detenuti si ritroveranno, dunque, nella Basilica fondata dal Beato Bartolo Longo che fece della sua vita una missione a favore dei bambini poveri, soli, orfani o abbandonati, ma, in particolare, a favore dei figli e delle figlie dei carcerati del suo tempo, per i quali fondò istituti e orfanotrofi che offrissero loro accoglienza e l’amore che la società del tempo negò loro, solo perché figli di delinquenti e, dunque, a loro volta destinati a compiere illeciti.
La preghiera, il silenzio, il confronto arricchito anche da alcune testimonianze, animeranno il pellegrinaggio, organizzato dal Provveditorato dell’Amministrazione Penitenziaria, dal Centro di Giustizia Minorile di Napoli e dai Cappellani regionali delle Carceri e divenuto un appuntamento annuale grazie alla Conferenza Episcopale Campana e alla Pastorale Carceraria della Chiesa di Napoli.I detenuti si ritroveranno alle 9.00 nel Piazzale “San Giovanni XXIII” del Santuario, per dirigersi, poi, in corteo verso la Basilica. Alle 10.00, prima del momento di preghiera, i pellegrini ascolteranno le testimonianze di tre detenuti, rispettivamente di un carcere maschile, femminile e minorile. Poi, la santa Messa celebrata per loro da monsignor Pasquale Cascio, Arcivescovo della Diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia e Delegato della Conferenza Episcopale Campana per le Carceri.
L’incontro esprime il desiderio di essere vicino a chi soffre e trova conforto nella preghiera. È inoltre occasione per far conoscere il cammino che molti detenuti hanno deciso di compiere, all’interno del proprio istituto penitenziario, alla luce delle riflessioni sulla Misericordia dell’Anno Santo voluto da Papa Francesco.

Previous IL WEB MARKETING CULTURALE
Next NAPOLI RINOMINA LE SUE STRADE

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

STORIA DI FRANCESCO MASTRIANI : IL PRIMO SCRITTORE DI GIALLI IN ITALIA

Se pensiamo agli esordi del “Romanzo Giallo” immediatamente ci viene in mente l’epopea di Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle: lo scrittore inglese è ritenuto da tutti il padre

Approfondimenti

Sclerosi Multipla: una vita “normale” si può

Torna a parlare, per noi, in occasione del “mese del volontariato”, la Dott.ssa Rosa Ciaravolo, Presidentessa della sezione di Napoli dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Ci parla delle nuove tecnologie applicate

Approfondimenti

Terra di Lavoro si racconta, opera ed ingegno

Si scrive Opera 3D e si legge stampante tridimensionale. L’idea, davvero innovativa, è venuta a due giovani e brillanti imprenditori Antonio Cassella e Fabio Carusone, entrambi vivono a Camigliano in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi