Il piccolo Giovanni rimproverato perché gioca con la bambola, risponde: “Io sono il papà, mica la mamma”

“Ma io sono il papà, mica la mamma. Lui è mio figlio e si chiama Mario”. Così, Giovanni di Anzio (Roma), a 6 anni, risponde all’anziano che lo rimprovera mentre al parco gioca con il suo Cicciobello. Con la sua affermazione, spontanea e convinta, il piccolo riesce a capovolgere lo stereotipo che impone alle bimbe di giocare con le bambole, e ai bimbi con le automobiline. E spiazza il suo interlocutore. La storia è stata raccontata dalla pagina Facebook “Guida senza patente”, creata da un genitore, Daniele Marzano, in prima linea contro le discriminazioni di genere.

Ma giochi con le bambole? Sei un maschio dovresti giocare con i soldatini”, si è sentito dire Giovanni. Che, senza scomporsi, come riporta il post di Facebook, “regala una risposta da Oscar: Sono il papà mica la mamma!

“Giovanni non lo sa – è il commento dell’autore del post che riporta la vicenda – che con una semplice risposta sta rendendo il mondo un posto più bello. La sua saggezza ha tanto da insegnare a chi probabilmente si crede più saggio.In un attimo non è sbagliato quello che fa ma quello che gli viene chiesto“.

Il post si conclude con un augurio: “Avanti Giovanni, sarai un grande papà e un grande uomo. E sicuramente hai dei grandi genitori”.

 

Previous Da Lecco a Catania, la seconda vita del peluche che farà tornare a sorridere la piccola Maria
Next Prende il via MOSTEM: nato dal Bando Civica della compagnia di San Paolo, il progetto è dedicato alla sperimentazione di servizi culturali

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

PERCHÈ ANCHE DA SINISTRA SOSTENERE BASSOLINO ALLE PRIMARIE

Antonio Bassolino è il candidato piu’ convincente. L’esperienza, l’equilibrio, il senso dello Stato e delle istituzioni, ne fanno la migliore risorsa di cui Napoli e il centrosinistra oggi possono disporre.

Qui ed ora

Incendio in centrale elettrica Pozzuoli

Un incendio si è sviluppato poco dopo la mezzanotte scorsa in una centrale elettrica in via Fascione a Pozzuoli. Le fiamme – che hanno avvolto l’intera struttura che sorge tra

Qui ed ora

Napoli, sciopero di 24 ore per Cumana, Circumvesuviana e metro .Eav-De Gregorio: “Basta giustificare scioperi del genere!”

Napoli, una grande città , bella e invidiata ma non di certo per il servizio di trasporti offerto ai cittadini e ai pendolari che affollano la grande metropoli. Un servizio

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi