ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI – CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI CASERTA In ricordo di Luigi Renato Zinzaro

Caro Renato,

sono trascorse poche ore dalla tua dipartita e la tua assenza si fa già sentire e pesa come un macigno. È difficile descrivere il vuoto che hai lasciato, come uomo, come consigliere, come marito e come padre.

Ti ho conosciuto meglio e ti ho apprezzato all’inizio della mia esperienza ordinistica e, fino a oggi, insieme agli altri componenti della squadra, abbiamo lavorato in sintonia, portando tante novità nell’Ordine provinciale.

Hai svolto il tuo ruolo con costanza, competenza, onestà, sempre disponibile a intervenire. In particolare, quando c’erano situazioni “difficili” da risolvere e io ti chiamavo, tu ti davi da fare prontamente e, con estremo equilibrio, competenza, esperienza e serenità ci aiutavi a risolvere il problema e tutto ciò sempre con il sorriso, mai ti ho visto aggressivo. Un carattere aperto ma determinato che ha sempre dato lezione ai tanti che avevano il piacere di lavorare con lui.

Sei stato anche il Presidente della Commissione ENPAM di invalidità e fino alla fine hai partecipato alle riunioni fornendo il tuo prezioso supporto e contributo.

Ti sei sempre battuto per le ingiustizie e hai criticato, in maniera corretta e costruttiva, chi faceva proposte non consone al bene comune o aveva comportamenti illeciti che tu non condividevi.

La nostra ultima telefonata risale a pochi giorni prima del ricovero e mi dicesti che ti saresti operato a breve, la voce era squillante come sempre, senza un minimo di tentennamento, pur sapendo che stavi per affrontare una strada difficile. Sei stato il “regista” della tua vita fino all’ultimo: hai deciso il luogo dell’intervento, hai scelto il chirurgo, e, pur consapevole dei rischi, hai voluto tentare il tutto per tutto. Conoscevi i pericoli che correvi a tal punto da lasciare tutta la documentazione al tuo collega della commissione e sei andato avanti.

Ti ho seguito in questo calvario degli ultimi giorni attraverso tua figlia Emmanuela e ho pregato per te a nome di tutti sperando che uscissi dal tunnel, ma l’altra mattina ho ricevuto il terribile messaggio “Dottoressa…papà stanotte ci ha lasciati”.

Mancherai a tutti, oltre che alla tua amata moglie e ai tuoi figli ai quali vanno le sentite condoglianze da parte del Consiglio Direttivo, Collegio dei Revisori dei conti, Commissione Albo Odontoiatri, di tutti gli impiegati dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta, ma anche di tutta la classe medica casertana.

Ciao Renato, ti ringraziamo per ciò che ci hai dato, veglia su di noi che faremo tesoro dei tuoi preziosi consigli.

Maria Beatrice Crisci

Previous PASQUA :BOOM DI TURISTI ALLA REGGIA DI CASERTA
Next Acerra: «Siamo un popolo crocifisso che anela a risorgere». Il vescovo monsignor Antonio Di Donna denuncia la mattina di Pasqua in Cattedrale la «distruzione del lavoro nei campi», l’inquinamento dell’aria – sull’inceneritore c’è «un deficit di democrazia»

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

La Regione ignora il Teatro Gesualdo, Sommese spieghi il perché

Si può escludere, e perché, uno dei teatri comunali più importanti del Meridione dai finanziamenti erogati dalla Regione Campania per le attività dello Spettacolo? Sembrerebbe di sì, e a questa

Economia e Welfare

Sud Sudan: MSF cura più di 2700 persone subito dopo la violenza a Juba

Nella settimana successiva agli scontri a Juba, i team di MSF hanno curato più di 2700 pazienti in quattro cliniche della capitale del Sud Sudan. MSF sta anche fornendo acqua

Economia e Welfare

SALVATORE ROSSI:” QUANDO SI PRENDE UN FEBBRONE AVENDO L’ORGANISMO GIA’ INDEBOLITO SI CORRONO SERI RISCHI E L’ITALIA LI HA CORSI. NE STA USCENDO SOLO OGGI”

“Quando si prende un febbrone avendo l’organismo già indebolito si corrono seri rischi, e l’Italia li ha corsi. Ne sta uscendo solo oggi, con tendenze incoraggianti, anche se ancora non

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi