Usa, l’81% dei genitori fa guardare YouTube ai figli

Negli Stati Uniti l’81% dei genitori consente ai propri figli di guardare video su YouTube, il 34% di questi permette loro di essere sulla piattaforma regolarmente e ancora il 61% di questi ultimi ha riscontrato contenuti non adatti ai più piccoli. Lo rivela un’indagine del Pew Research Center condotta su 4.594 americani che ha per tema, più in generale, l’utilizzo della piattaforma video. Dallo studio si evince, ad esempio, che la metà degli utenti adulti di YouTube lo usa per imparare cose che non sa o non ha mai fatto.

Riguardo il capitolo relativo ai bambini, lo studio mostra che il boom dei video per i più piccoli è rafforzato dal sistema stesso: un quinto dei video più consigliati, presi in considerazione dalla ricerca, era rivolto ai più piccoli.

Più in generale, lo studio Pew rivela che il 51% degli adulti americani utilizza la piattaforma per imparare cose nuove, il 28% per passare un po’ di tempo, il 19% cerca consigli per gli acquisti e un altro 19% per capire cosa accade nel mondo.

Previous IL RITORNO DE "LA TERZA CLASSE" IN MUSICA
Next TENNIS , NUOVA CLASSIFICA ATP :IN TESTA NADAL !

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

NAPOLI , LA STAZIONE ZOOLOGICA ANTON DOHRN COMPRENDE L’ACQUARIO PIU’ ANTICO D’ITALIA

La Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli è una istituzione scientifica  di ricerca situata in Villa Comunale , nel quartiere Chiaia ,che comprende l’acquario più antico d’Italia . Fondata nel

Approfondimenti

Giovedì Santo e la lavanda dei piedi : Gragnano abbassa le serrande!

Grande prova di fede da parte dei cittadini di Gragnano e in particolar modo dei commercianti del paese ,  infatti per la prima volta possiamo dire che si è data

Approfondimenti

A BENEVENTO, IL MOVIMENTO CINQUE STELLE PRESENTA LA QUARTA STELLA DEL SUO PROGRAMMA. PRESENTE IL DEPUTATO PENTASTELLATO ANDREA CIOFFI

Venerdì 13 Maggio a Piazza Risorgimento sarà presentata la quarta “stella” del Programma del M5S di Benevento relativa alla connettività e ai trasporti. Dopo una breve introduzione sul fallimento del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi