ultimissime

Ciambriello al carcere di Fuorni: protesta dei detenuti e dei loro famigliari

Oggi il Garante Campano dei detenuti, Samuele Ciambriello, si è recato presso il carcere di Fuorni per far visita ai detenuti.

“Anche a Fuorni problemi di sovraffollamento, di malasanità, di ritardi della magistratura di sorveglianza, celle fatiscenti“, ha dichiarato il Garante.

“Oggi ho incontrato i detenuti nei vari reparti. Ho potuto riscontare e raccogliere queste criticità. Incredibilmente, dopo aver effettuato il tampone l’esito sia della positività che negatività al covid-19 viene comunicato, in qualche caso, da alcuni dei loro familiari, prima che dalla stessa direzione sanitaria dell’Istituto”, ha successivamente aggiunto.

Inoltre, Ciambriello all’uscita dal carcere salernitano dopo un’intera mattinata passata a girare i singoli reparti dell’Istituto ha sentenziato: “Nei singoli reparti non c’è uno spazio sanitario, tutto fa riferimento ad un’unità centrale. Ho visto diversi detenuti malati, anche malati oncologici o con malattie post operatorie, che stanno nelle celle normali insieme agli altri detenuti. Mi auguro che al più presto anche questo carcere si doti di un servizio di assistenza integrata, un reparto di infermeria perché il diritto alla salute, alla dignità del detenuto alla vita è fondamentale come la certezza della pena”.

Il Garante, durante la visita è stato accompagnato dalla direttrice dell’Istituto Rita Romano, dalla comandante Grazia Salerno. Ha potuto ascoltare le testimonianze, le lamentele, e le ragioni delle proteste fatte dei detenuti rappresentate della sezione 3A e 3B da una delegazione dell’alta sicurezza e delle donne.

La situazione del carcere di Fuorni

Oggi, in istituto si contano 413 uomini, di cui 70 dell’alta sicurezza, 34 donne, 17 semiliberi che sono in licenza straordinaria nelle rispettive abitazioni. Nonché la presenza di 7 detenuti ristretti nell’articolazione psichiatra. Samuele Ciambriello così prosegue la dichiarazione dopo la sua visita, dove purtroppo registra anche diversi positivi al Covid. I casi evidenziati sono 7 detenuti e 21 agenti di polizia penitenziaria.

“La struttura dovrebbe avere un vice-direttore che purtroppo non c’è, un comandante, e due vice che non ci sono; c’è solo una vicecomandante che esercita la funzione di comandante. Mancano 34 agenti dal numero previsto secondo pianta organica. Durante i turni notturni, all’interno dell’Istituto, restano appena 9 agenti a custodire l’intero istituto”.

Ulteriori punti di criticità

Ciambriello“La politica non potenzia il numero degli agenti di polizia penitenziaria, non potenzia il numero di educatori e assistenti sociali. Tra l’altro i detenuti si sono lamentati proprio dell’assenza delle assistenti sociali, dell’ UEPE, assenza spesso delle loro relazioni nelle sedute della magistratura di sorveglianza. Sulla magistratura di sorveglianza si sono lamentati con me. In qualche caso le udienze sono addirittura fissate dopo la prevista scarcerazione. Altri detenuti, in particolare donne, per un periodo sono uscite in permesso e adesso invece questo permesso è stato negato”.

 

Un’ultima considerazione riguarda i professionisti della sanità privata. Questi hanno manifestato difficoltà nell’accesso in Istituto, in primis dentisti a cui non sono concessi spazi e attrezzature sanitarie presenti all’interno dell’ Istituto.

Le ultime note del Garante

“Mi ha fatto piacere che un gruppo di detenuti delle sezioni 3A e 3B dopo aver ricevuto materiale per la tinteggiatura e pulizia di alcuni reparti. Volontariamente e gratuitamente hanno effettuato un restyling della struttura. Inoltre, sono grato ai 9 detenuti che lavorano nel reparto mascherine. Mi hanno regalato 10.000 mascherine da portare ai detenuti e agli agenti del carcere di Poggioreale”.

All’ingresso del carcere, il Garante ha incontrato un gruppo di familiari dei detenuti. Questi ultimi, insieme a Donato Salzato dell’associazione “Maurizio Provenza”, gli hanno rappresentato, oltre le problematiche dei propri congiunti, anche le lungaggine burocratiche per l’attesa dei colloqui e la precarietà dello spazio antistante il carcere dove loro attendono per poter fare i colloqui.

Su questo argomento il Garante Ciambriello ha detto loro che nei prossimi giorni scriverà al Sindaco di Salerno per chiedere un prefabbricato con relativi servizi igienici da collocare nello spazio antistante il carcere. In modo tale da rendere meno problematica e disumana le attese prima del colloquio.

Potrebbe piacerti...