ultimissime

Covid, mappa Ecdc: in Italia solo 3 regioni in giallo, 4 in rosso scuro

 

Continua a peggiorare l’andamento della pandemia da coronavirus in Europa, spinta dal diffondersi della variante Omicron. Lo dimostra l’ultimo aggiornamento della mappa epidemiologica realizzata dall’Ecdc (Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie), dove vengono classificate le aree a maggiore o minore rischio di diffusione Covid-19. La mappa è elaborata combinando tre indicatori: l’incidenza dei nuovi casi di persone positive ogni 100mila abitanti nelle ultime due settimane, la percentuale di tamponi eseguiti e il tasso di positività.

Situazione in Italia

Corre più veloce il contagio in Italia. Sardegna, Molise Puglia sono le uniche regioni rimaste in giallo, colore che indica la fascia con pericolo di diffusione Covid-19 non elevato. La scorsa settimana, anche Sicilia e Umbria erano in giallo.

Nel resto d’Europa

La situazione non è migliore nel resto d’Europa. Anche la Spagna, uno dei Paesi che – insieme all’Italia – ha retto meglio la quarta ondata di coronavirus, non ha più nessuna regione in giallo.

Tutti i Paesi peggiorano o restano stabili tra il rosso e il rosso scuro. I pochi territori che, rispetto alla scorsa settimana, hanno visto un miglioramento sono Romania, dove si trovano le uniche zone d’Europa in verde, ed Estonia, Lettonia e Islanda, che dal rosso scuro passano al rosso.

Il verde rappresenta le regioni che hanno registrato meno di 50 casi ogni 100mila abitanti nelle ultime due settimane e che hanno un tasso di positività inferiore al 4%, oppure che hanno un’incidenza inferiore a 75 casi ma un tasso di positività sotto l’1%.

I territori in giallo sono quelli dove l’incidenza è inferiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti, con un tasso di positività uguale o superiore al 4%, oppure è compresa tra i 50 e i 75 casi e il tasso di positività è uguale o superiore all’1%, o ancora se i nuovi casi sono tra i 75 e i 200 e il tasso di positività è inferiore al 4%.

Il rosso indica le regioni dove i nuovi casi sono compresi tra i 75 e i 200 ogni 100mila abitanti e il tasso di positività è uguale o superiore al 4%, oppure quelli dove i nuovi casi sono tra i 200 e i 500 ogni 100mila abitanti.

Si entra in rosso scuro quando l’incidenza supera i 500 casi ogni 100mila abitanti.(Skytg24)

 

Potrebbe piacerti...