Economia e Welfare

Ue: trovato l’accordo sul nuovo regolamento per le infrastrutture energetiche

Il Consiglio Europeo e l’Europarlamento hanno raggiunto l’accordo sul nuovo regolamento per le infrastrutture energetiche (TEN-E), che indica i criteri in base ai quali i vari progetti comuni potranno essere finanziati dall’UE ed inseriti negli appositi elenchi preparati dalla Commissione europea. L’accordo politico provvisorio, raggiunto nella notte, sarà ora sottoposto all’approvazione del comitato dei rappresentanti permanenti.

“L’accordo raggiunto garantisce che in futuro nessun progetto che riguardi i combustibili fossili venga finanziato dalla Connecting Europe Facility”, ha affermato il ministro per le infrastrutture sloveno Jernel Vrtovec, in qualità di portavoce della presidenza di turno europea, aggiungendo “siamo ora sicuri che investiremo in un futuro verde e climaticamente neutro che garantirà efficienza, competitività e sicurezza degli approvvigionamenti senza lasciare nessuno indietro”.

In base al nuovo regolamento sono esclusi dal sostegno i progetti che hanno a che fare con fonti fossili, quindi petrolio e gas naturale, ad eccezione di quelli già autorizzati con il vecchio regolamento. Fra questi i gasdotti EastMed e Melita che consentiranno di collegare Cipro e Malta alla rete europea e le miscele gas-idrogeno fio al 2027.

Il regolamento prevede anche una semplificazione delle procedure per la selezione dei progetti ammissibili, per garantire una maggiore velocità, trasparenza e partecipazione delle parti interessate ai progetti.

Potrebbe piacerti...