Alla scoperta di QVC, il canale del digitale terrestre dedicato allo shopping

Roberta Nanni, attrice, modella e conduttrice televisiva italiana, protagonista di numerose fiction italiane, tra cui Centovetrine, Nebbie e delitti, Un posto al sole estate, Il commissario De Luca e Camera Cafè.  Attrice ma anche “divoratrice” di libri, ed in particolar modo dei romanzi di Georges Simenon. Roberta Nanni è stata ospite della trasmissione radiofonica di Samuele Ciambriello “Dentro i fatti”, in onda ogni lunedì su Radio Club 91.

 Roberta Nanni, Lei lavora per il canale del digitale terrestre QVC, un canale unico ed una realtà assolutamente a passo con i tempi. Ci spieghi di cosa si tratta.
«Sì, attualmente faccio la presentatrice al QVC, canale 32 del digitale terrestre. Si tratta di un canale che si occupa di home shopping: in pratica noi parliamo di prodotti che gli spettatori possono acquistare. Ci occupiamo di tutte le categorie merceologiche che toccano il nostro quotidiano.»

Quali contenuti e prodotti rendono questa emittente unica e particolare?
«Quello che rende QVC un canale unico e particolare è la trasparenza e la colloquialità del nostro approccio. Noi non siamo televenditori ma presentatori: ci poniamo dalla parte del consumatore, testando in prima persona i prodotti e cercando di capire quali sono le attrattive del prodotto. È chiaro che ogni bene che proponiamo ha un suo destinatario e quindi fungiamo da “occhi” e “mani” di chi non è fisicamente lì con noi. Questo viene molto apprezzato e recepito.»

Proponete dei marchi in particolare?
«Dunque, per alcuni marchi abbiamo l’esclusiva. Altri, sono marchi che i trovano comunemente.»

Ci troviamo davanti a un nuovo modo di fare acquisti, sicuramente molto più pratico e comodo. Questo perché è cambiato anche il modo di fare shopping da parte degli italiani?
«Questa è la mia prima esperienza a contatto diretto con il pubblico in veste di consumatore: è una questione molto affascinante, non avrei mai pensato che attraverso la televisione si potesse avere così tanto consenso ed arrivare così facilmente nelle case delle persone proponendo prodotti. Devo dire che l’acquisto è molto consapevole, al di là della piccola fetta di mercato che acquista compulsivamente.»

Ma, dietro ad un progetto del genere si nascondono grandi opportunità e una rete di lavoro…
«Sì, certo. Noi siamo stati gli apripista, ma sono sicura che questo modello prenderà piede: non si tratta soltanto di una vetrina ma anche di posti di lavoro. La mia azienda è arrivata a più di 600 dipendenti: il modulo funziona e può creare un po’ di ossigeno in un momento di crisi come quello che sta caratterizzando l’Italia in questi anni.»

 

Previous Peluso: «A parità di ruolo, -16% alle donne»; Amato: «Nessuna parità se si parla ancora di quote rosa»
Next Cantone possibile commissario per Bagnoli, profilo del candidato ideale

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

PERCHE’ ALLE PRIMARIE SOSTENGO BASSOLINO

Le personalità che si confrontano in vista delle primarie del sei marzo sono tutte di valore ma, almeno per ora, di idee davvero grandi se ne vedono poche. Intanto Napoli

Approfondimenti

SAMSUNG RISARCIRA’ CENTINAIA DI DIPENDENTI CHE SI SONO AMMALATI LAVORANDO CON I SEMICONDUTTORI. ALMENO 224 OPERAI NEGLI ULTIMI SETTE ANNI, SI SAREBBERO AMMALATI A CAUSA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO DI CUI 87 SAREBBERO MORTI

  Il colosso elettronico sudcoreano martedì ha messo fine a una controversia legale che è durata anni raggiungendo un “accordo definitivo” con i rappresentanti dei dipendenti che hanno contratto il

Approfondimenti

Al Suor Orsola Benincasa nasce la Torre della Comunicazione

Due corsi di laurea, cinque master, una Scuola di Giornalismo, la neonata Scuola di Cinema e Televisione, dottorati di ricerca e numerosi corsi di perfezionamento post laurea in settori emergenti

2 Commenti

  1. Miria
    marzo 11, 18:52 Risposta
    Fantastica Roberta... trasmette una serenita', una gioia di vivere mista a simpatia che non si puo' fare a meno di ascoltarla... mi piace molto come persona, come presenter poi... e' la mia preferita... molto convincente senza fare grandi discorsi..molto semplice e concreta.
  2. De Ritter
    marzo 19, 10:16 Risposta
    Credo al mondo come a una margherita, perché lo vedo come vedo te. Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui, ma per guardarlo ed essere in armonia con esso... Io non ho filosofia: ho sensi. Se parlo di te non è perché sappia chi sei, ma perché ti vedo come una margherita.

Rispondi